Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Quarona saluta Samuel: la sua vita è stata un dono per chi lo ha avuto accanto | LE FOTO
Attualità Borgosesia e dintorni -

Quarona saluta Samuel: la sua vita è stata un dono per chi lo ha avuto accanto | LE FOTO

Una tragedia che ha lasciato senza parole l'intera comunità valsesiana

Quarona saluta Samuel: la sua vita è stata un dono per chi lo ha avuto accanto. Tanti amici centauri hanno accolto l’invito del fratello Nicolas e l’altro giorno si sono presentati in sella alle loro moto per “fare rumore” nell’accompagnare il feretro dall’abitazione di via Sella alla chiesa parrocchiale di Quarona dove è stato celebrato il funerale del giovane che ha perso la vita travolto dalla furia del fiume Sesia.

Quarona saluta Samuel: la sua vita è stata un dono per chi lo ha avuto accanto

Scorri per vedere le foto

Una tragedia che ha lasciato senza parole l’intera comunità valsesiana. Nella notte tra venerdì e sabato, Samuel Pregnolato, 36 anni, stava rientrando con il fratello Nicolas, alla guida di una Opel Corsa: all’improvviso, tra Crevola e Locarno, si sono trovati davanti il fiume che aveva strappato un lungo tratto di strada. La corrente ha trascinato con sè il fratello maggiore, mentre Nicolas, ventunenne, è riuscito a mettersi in salvo dalla morsa dell’acqua, trovando un appiglio e risalendo la parete fangosa.

Addio

Il parroco don Matteo Borroni ha aperto i funerali leggendo alcune frasi del vescovo Franco Giulio Brambilla: «Di fronte a queste ferite inguaribili, solo la tenerezza e l’amicizia possono alleviare il dolore». Durante l’omelia il sacerdote ha aggiunto: «La tragedia dell’alluvione ha colpito la nostra comunità e tutta la Valsesia, ma anche il Piemonte in generale e la Liguria. È in questi momenti che dobbiamo dimostrarci comunità, per essere attenti verso il nostro vicino e prenderci cura di lui. Una responsabilità che in primis spetta agli amministratori, ma è un compito per ciascuno di noi. Tra tutte le vittime dell’alluvione, però, Samuel ha perso il dono più grande: la vita, ed è giusto fermarsi a pregare per consolare chi rimane a piangere la sua assenza. La sua vita è stata dono e mistero: dono per chi lo ha avuto accanto e mistero perché ha raccolto in sé sogni, paure, relazioni, ricordi e anche una tragica fine. Il mistero della vita a volte può sembrare buio e inspiegabile, ma si può chiedere chiarezza alla Luce della fede».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente