Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Romagnano ricorda Maria Maddalena, storica commerciante
Attualità Novarese -

Romagnano ricorda Maria Maddalena, storica commerciante

Fu anche priora delle Consorelle dell'Addolorata.

Romagnano ricorda Maria Maddalena, storica commerciante

Romagnano ricorda Maria Maddalena Galloni: fu priora delle Consorelle dell’Addolorata.

Romagnano ricorda Maria Maddalena

Tanti romagnanesi la ricorderanno dietro il bancone. Si è spenta all’età di 92 anni Maria Maddalena Galloni, molto conosciuta a Romagnano per la sua attività lavorativa e per l’impegno profuso soprattutto nell’ambito religioso. Conosciuta anche come Milena, era la moglie di Domenico Usellini: la coppia aveva condotto per molti anni un esercizio di macelleria. «Quando ancora non c’erano supermercati, moltissimi cittadini frequentavano l’area della casa di riposo, in cui c’erano una panetteria, un negozio di ortofrutta e la macelleria dei miei nonni – racconta il nipote Paolo Usellini, dirigente scolastico dell’Istituto Sacro Cuore romagnanese – La nonna era anche molto legata alla chiesa di Sant’Anna, al Chioso, dove mi portava spesso: è proprio lì che ho imparato a suonare l’organo. Era anche appassionata del Venerdì Santo, di cui il nonno ha fatto parte per molti anni. Nell’ultima edizione, pur avendo problemi di deambulazione, è voluta scendere in cortile per veder passare la processione».

Priora

La sua fede l’aveva spinta a entrare a far parte delle Consorelle dell’Addolorata, di cui è stata anche priora: «Anche negli ultimi anni, pur non potendo più recarsi in chiesa, non ha mai voluto rinunciare alla Comunione, ed erano i sacerdoti del paese a portarle a casa l’ostia consacrata», aggiunge ancora il nipote che, durante le esequie, ha ricordato alcune immagini a cui è legato affettivamente: «Quando frequentavo le scuole elementari era spesso la nonna a venirmi a prendere; allora non c’erano pericoli e tornavo allegramente a casa con lei. Quando se ne è andata, noi familiari abbiamo pensato che sia tornata dai nostri cari che l’hanno preceduta, che dobbiamo essere forti e credere anche noi nella Resurrezione».

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *