Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Romagnano tre mesi per poter usare la passerella ferroviaria
Attualità Novarese -

Romagnano tre mesi per poter usare la passerella ferroviaria

E' deciso: in via provvisoria si utilizzerà il ponte metallico. Ma intanto si progetta un nuovo viadotto.

Romagnano tre mesi per poter usare la passerella ferroviaria. E’ deciso: in via provvisoria si utilizzerà il ponte metallico. Ma intanto si progetta un nuovo viadotto.

Romagnano tre mesi per poter usare la passerella ferroviaria

Decisione presa: in via provvisoria, per superare il Sesia tra Romagnano e Gattinara si userà la passerella della ferrovia. Ovviamente occorrono lavori di adeguamento sia dei collegamenti stradali, sia della stessa passerella. Ci vorranno almeno tre mesi di tempo e due milioni di euro. Intanto si va avanti col progetto di un ponte nuovo, ma anche del ponte della Pedemontana a sud di Gattinara. E’ quello che si è deciso nell’incontro di ieri, venerdì 16 ottobre, tra la Regione, gli amministratori locali, Genio militare, Ferrovie e Confindustria Novara Vercelli Valsesia.

Ipotesi commissario

Come è stato sottolineato da più parti l’utilizzo del ponte ferroviario deve essere una soluzione di carattere provvisorio nell’attesa della ricostruzione del ponte “vero”. La ricostruzione di questo ponte, inoltre, viaggia di pari passo quello di Ghemme  e Gattinara, legato alla realizzazione della Pedemontana, opera già finanziata. «Questi due ponti – ricorda l’assessore regionale Marco Gabusi – sono tra le opere più importanti e più urgenti di questo momento. L’idea della Regione Piemonte è quella di chiedere al governo un commissario straordinario per entrambe le opere».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

 

4 Commenti

  • Roberto Borri ha detto:

    Assolutamente vergognoso questo modus operandi dell’Assessorato ai Trasporti della Regione Piemonte: dopo aver sospeso l’esercizio su di un terzo della rete, tagliando sempre più collegamenti ferroviari, per sostituirli solo in maniera parziale, insufficiente ed inefficace con degli autobus, e portando avanti una politica manifestamente antiferroviaria, anziché istituire navette tra Gattinara e Romagnano Sesia o, ancora meglio, pensare a riprendere quanto prima i servizi ferroviari sull’intera tratta Arona – Santhià, un manipolo d’incapaci non trova di meglio che convertire temporaneamente il ponte ferroviario al trasporto stradale, per tacere delle necessarie opere per raggiungerlo da una e dall’altra sponda della Sesia. Un tempo, a Torino, c’era Cavour, ora Gabusi.

  • Laura ha detto:

    È vero avrebbero potuto ripristinare la linea da Romagnano a Gattinara con cadenza di 1 treno ad ora.

  • Fabrizio ha detto:

    Dobbiamo renderci conto che la nostra Valsesia politicamente parlando non conta nulla neanche a livello regionale.i nostri Sindaci brave persone x carità ma peso politico zero.Strade, Trasporti Pubblici, Ospedale siamo messi veramente male.Questo il motivo x cui la Regione i soldi li destina maggiormente alle vallate del sud est piemontese.Questo il mio modesto pensiero.Buona giornata

  • Luca ha detto:

    Usare Il ponte ferroviario per il transito veicolare è una cag…… pazzesca. Fatelo ciclabile/pedonale. Oppure come suggerito come navetta ferroviaria. Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente