Seguici su

Attualità

Scuole in Valsesia, subito quarantene al rientro. Si cerca un rimedio

Pubblicato

il

Scuole in Valsesia, subito quarantene al rientro. Comuni e farmacie alleati per velocizzare le procedure.

Scuole in Valsesia, subito quarantene al rientro

Già nella prima settimana di scuola dopo la ripresa dalle vacanze natalizie si registrano le prime classi in quarantena per il Coronavirus.

Problemi soprattutto alla scuola dell’infanzia dove, secondo le regole del Governo, basta un solo positivo per fermare l’attività scolastica per dieci giorni, con il rientro solo previo tampone negativo.

Tamponi rapidi per rientrare

I Comuni di Borgosesia, Quarona e Varallo hanno deciso di unire le forze per permettere alle classi di riprendere le lezioni in presenza in tempi veloci.

«Nonostante la scuola abbia riaperto da pochi giorni, diverse classi delle primarie dei Comuni di Varallo, Quarona e Borgosesia, sono già state messe in Dad», spiegano i sindaci Eraldo Botta, Francesco Pietrasanta e Paolo Tiramani.

«Comprendendo il disagio delle famiglie e il forte momento di stress per i bambini, sentita l’Asl Vercelli e la dirigenza degli istituti scolastici dei tre Comuni, abbiamo chiesto alle farmacie cittadine di effettuare entro tempi brevi il tampone ai bambini della classe messa in Dad (il famoso T0 che ora l’ASL non riesce ad effettuare) e consentire quindi, in caso di negatività di tutti gli altri alunni e di conferma di una sola positività verificatasi in precedenza, alla classe di rientrare a scuola quanto prima – spiegano i sindaci –. Analoga possibilità sarà riservata agli alunni dell’Infanzia per il tampone di uscita dopo la quarantena di dieci giorni».

Individuate le farmacie convenzionate

Il costo dei tamponi per i bambini dell’Infanzia e della primaria sarà a carico dei Comuni. Mentre a Borgosesia si stanno individuando le farmacie disponibili; a Varallo si potrà effettuare i tamponi alla Farmacia Dottor Gino e a Quarona alla Farmacia Ricaldone, che hanno manifestato subito di aderire all’iniziativa.

Naturalmente, trattandosi di bambini piccoli, sarà facoltà della famiglia decidere o meno di sottoporre il proprio figlio al tampone che, qualora non volesse farlo, dovrà stare necessariamente in isolamento per i 10 giorni previsti.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *