Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Serravalle riqualifica il castello di Vintebbio: ecco come sarà
Attualità Serravalle e Grignasco -

Serravalle riqualifica il castello di Vintebbio: ecco come sarà

In programma diversi lavori, che valorizzeranno il sito senza stravolgerlo.

Serravalle riqualifica il castello di Vintebbio: ecco come sarà

Serravalle riqualifica il castello di Vintebbio: diversi i miglioramenti in programma per valorizzare le suggestive rovine.

Serravalle riqualifica il castello

Un luogo suggestivo da valorizzare: con un programma di interventi che mirano alla riqualificazione del patrimonio storico e naturale, Serravalle rilancia il castello di Vintebbio. In un incontro sul tema il tecnico del Comune, Enrica Pera Mut, una rappresentanza dell’amministrazione comunale, Arianna Monticelli, funzionario del Gal Terre del Sesia hanno presentato in maniera ufficiale il piano che sarà attuato per la conservazione di quanto resta della fortezza medievale che sorge sulle alture della frazione serravallese. «A fine ottobre 2019 abbiamo partecipato a un bando promosso dal Gal. Abbiamo pensato a quali progetti presentare per prendere parte all’iniziativa e la nostra attenzione si è indirizzata al castello – ha spiegato il vice sindaco Guido Bondonno -. Ci siamo dunque rivolti allo studio Gioria-Giulini che ha fatto uno studio sull’area e poi è stato redatto un progetto, presentato al bando. Le nostre idee sono piaciute e siamo stati tra le realtà che hanno ottenuto un ottimo contributo».

LEGGI ANCHE: Castello di Vintebbio come non l’avete mai visto: gli occhi del drone

I lavori

L’architetto Sylvie Giulini ha quindi spiegato nel dettaglio quali lavori si intende portare avanti al maniero. «Poche persone conoscono questo castello, nonostante negli anni Novanta sia stato oggetto di un importante intervento volto a rimetterlo in luce dopo anni di abbandono. I lavori realizzati 27 anni fa sono stati importanti e hanno permesso di ricucire il passato. Il progetto attuale non avrà ripercussioni evidenti dal punto di vista visivo ma l’obiettivo sarà quello di provvedere al mantenimento e alla conservazione della struttura. Si è scelto dunque di provvedere al riconvoglio delle acque: purtroppo a causa delle infiltrazioni in alcune parti le mura del maniero hanno subito dei distacchi. Per garantire il deflusso sarà apportato qualche lieve cambiamento a parte del terreno».
Alcuni interventi in programma mirano al futuro culturale dell’area. «Il vice sindaco ha insistito per la realizzazione di un palco in legno che sia utile per ospitare delle manifestazioni e così lo abbiamo previsto – ha evidenziato Giulini -. Inoltre si intende prevedere una pulizia della vegetazione in prossimità del cosiddetto belvedere che è quello spiazzo che si trova salendo dallo sterrato che parte da Sella».

I sentieri

Verranno inoltre apportate delle migliorie anche ai tracciati che permettono di raggiungere il castello. «Saranno rifatti i guadi per quanto concerne la strada che parte da Sella; si sistemerà anche il sentiero che dal cuore di Vintebbio permette di arrivare al sito – ha precisato il tecnico -. Inoltre saranno sostituiti i punti luce attuali con fari a led. Si sta inoltre pensando di posizionare dei pannelli che possano illustrare la storia della località ai visitatori».
L’amministrazione sta inoltre valutando l’idea di posizionare delle telecamere per potenziare il controllo dell’area. «Purtroppo, dal momento che di recente qualcuno ha pensato bene di staccare una lastra di pietra da una delle aree attrezzate e portarsela a casa oppure abbandonarla da qualche parte – ha commentato il sindaco Massimo Basso -, e visto che stiamo partendo con questo piano di riqualificazione, non desideriamo trovarci a fare i conti con nuovi atti vandalici».
La parola è andata inoltre ad Arianna Monticelli in rappresentanza del Gal che ha sottolineato come il progetto portato avanti da Serravalle è stato uno di quelli scelti perché rispondente alle caratteristiche del bando. A intervenire infine anche Cristina Trapella, guida turistica di Grignasco che, in contatto con Atl alla ricerca di aree da valorizzare, ha segnalato il castello come meta di possibili futuri progetti ed iniziative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *