Attualità Borgosesia e dintorni -

Tamponi a tutti prima del consiglio: la proposta a Vercelli

Fratelli d'Italia: «Il Green pass rilasciato a seguito di vaccinazione non garantisce che la persona sia negativa al Covid».

Tamponi a tutti prima del consiglio: la proposta a Vercelli

Tamponi a tutti, anche alle persone vaccinate, per accedere al consiglio provinciale di Vercelli: la proposta dal gruppo Fratelli d’Italia.

Tamponi a tutti prima del consiglio: la proposta

Un tampone per accedere al consiglio provinciale di Vercelli: la proposta in un ordine del giorno. «Il Green pass rilasciato a seguito di vaccinazione non garantisce che la persona sia negativa al Covid: sono sempre più numerosi i casi di contagiati, e contagiosi, dotati di Green pass rilasciato dopo il vaccino». Per questo il gruppo di Fratelli d’Italia del consiglio provinciale di Vercelli ha presentato un ordine del giorno che chiede per tutti i consiglieri di presentare anche un tampone negativo per poter partecipare alle sedute.

Il Green pass

Una proposta che in qualche modo smuove uno dei “pilastri” su cui si fonda la distinzione tra vaccinati e non vaccinati, i primi possessori di lasciapassare verde per un anno e i secondi che devono invece fare tamponi ogni 48 ore se vogliono andare a lavorare.
Ebbene, dicono i promotori di questo ordine del giorno, se è vero che il vaccino non garantisce la negatività al virus (specie se sono passati più di sei mesi dall’inoculazione), per riunire il consiglio comunale senza alcun rischio di contagio è bene che il tampone lo facciano tutti, vaccinati e non.

Ai voti

Del resto, è abbastanza noto che in certe sale del potere governativo (compresi gli incontri con il premier Mario Draghi), il tampone negativo è richiesto a prescindere. E anche in molti studi televisivi e altri luoghi di lavoro. L’ordine del giorno sarà votato nella seduta del 17 novembre, mercoledì prossimo. Da ricordare che poco più di un mese fa sempre Fratelli d’Italia presentò un altro odg che chiedeva la gratuità dei tamponi per i lavoratori: proposta bocciata, e al voto negativo del centrosinistra si era unita anche la Lega, provocando non poche tensione tra alleati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.