Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Tamponi e quarantene più rapidi: la sanità si organizza per sveltire le pratiche Covid
Attualità Borgosesia e dintorni -

Tamponi e quarantene più rapidi: la sanità si organizza per sveltire le pratiche Covid

Il sindaco di Quarona: «Si spera che velocizzando tutta questa procedura si arrivi a un maggior controllo del virus».

Tamponi e quarantene più veloci: le novità previste per una gestione più snella.

Tamponi e quarantene

Occorrono procedure più snelle per la gestione di tamponi, quarantene e comunicazioni. Essere più veloce se si vuole uscire dalla zona rossa prima di Natale. Ne è convinto il sindaco di Quarona Francesco Pietrasanta che si è confrontato con l’Asl Vercelli proprio sulle prossime novità. «Arriveranno alcune importanti novità – spiega – per velocizzare tutta la procedura. Per esempio per liberare le persone in quarantena dopo il tampone negativo basterà un Sms, ora magari passano alcuni giorni prima che venga recapitato l’avviso». Novità anche sui medici di famiglia: «Potranno decidere direttamente chi mettere in quarantena e in alcuni casi procedere direttamente loro con i tamponi rapidi».

I ventuno giorni

Cambieranno le modalità della quarantena: «Finirà in tutti i casi dopo 21 giorni a prescindere dalla positività o negatività del paziente e sarà l’Asl ad avvisare. Il motivo? E’ scientificamente provato che dopo 21 giorni il livello di contagio è davvero basso». Poi ci sono altre novità: «In alcuni casi il tampone rapido con risultato negativo potrà essere usato per liberare persone che siano state a contatto con casi positivi senza dover subire la quarantena forzata, come nei casi delle elementari e materna». I Comuni sono pronti a fare la propria parte come spiega Pietrasanta: «Verranno organizzati direttamente nei Comuni punti di verifica con tampone per verificare massicci casi di contatto da positività, in questo modo si eviterà di andare a intasare i punti pit-stop previsti agli ospedali». L’obiettivo rimane quello di fermare la diffusione del virus. «Questo lo possiamo fare con la gestione più snella, rapida ed efficace che vi ho appena descritto – sottolinea il primo cittadino di Quarona -. Si spera che velocizzando tutta questa procedura si arrivi a un maggior controllo del virus, l’esempio è il Veneto».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *