Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Valsessera ricorda il partigiano che si chiamava come il portiere della Juve
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Valsessera ricorda il partigiano che si chiamava come il portiere della Juve

Morto a Postua uno dei simboli della Resistenza in zona. Placido Pitto aveva 93 anni.

Valsessera ricorda il partigiano che in battaglia prese il nome del portiere della Juve.

Valsessera ricorda il partigiano Combi

Placido Pitto di Postua era nato il 13 gennaio del 1926 e se ne è andato nei giorni scorsi a 93 anni scorsi lasciando un bel ricordo. Era stato partigiano nella Divisione XII d’assalto Garibaldi, e si parla di lui anche nel libro di Annibale Giachetti “Danda” dal titolo “C’era una volta la Resistenza. Partigiani e popolazione nel Biellese e Vercellese”. «A Placido Pitto – si legge – sapendolo tifoso juventino, diedi il nome di battaglia “Combi”, il celebre portiere di calcio».

Il ricordo del sindaco

«Lo chiamavamo amichevolmente nonno Placido – ricorda Gianluca Foglia Barbisin, sindaco di Coggiola –. Io lo conoscevo bene perché aveva lavorato con mio papà alla Tessitura di Crevacuore a Borgosesia e frequentava la mia casa. Mi aveva preso in simpatia, e negli anni avevo avuto modo di trovarlo alle consuete cerimonie del 25 Aprile ma anche in altre occasioni. Era una persona amabile, distinta e allo stesso tempo cordiale. Era educato, ma anche tanto di compagnia e gli piaceva stare in mezzo alla gente. Era una persona che lasciava il segno, un punto di riferimento perché chi lo conosceva aveva massimo rispetto per lui, per i valori che trasmetteva. L’ho incontrato qualche mese fa ed era il Placido di sempre, cordiale e pieno di vita. Ha lasciato un bel ricordo in tutti quelli che lo hanno conosciuto».

Funerale in attesa

Per via delle disposizioni legate al Coronavirus, non è ancora stata stabilita la data del funerale, che in ogni caso avverrà in forma strettamente privata. Almeno con il suo affetto, il paese si è comunque stretto al dolore dei familiari: la moglie Carla, il figlio Gianni con la moglie Daniela e i figli Gioele e Veronica, la nipote Amanda col marito Johnni e i figli Morgan, Lia e Gordon, e di tutti gli altri parenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente