Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Varallo progetto da due milioni per trasformare il nido in un asilo modello
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Varallo progetto da due milioni per trasformare il nido in un asilo modello

Previsti interventi di messa in sicurezza, verifica sismica, adeguamento strutturale ed energetico

Varallo progetto da due milioni per trasformare il nido in un asilo modello.
Nei giorni scorsi la giunta Botta ha approvato il progetto di fattibilità tecnico ed economica che prevede tutta una serie di interventi a cui si intende sottoporre l’immobile di via Durio che da decenni accoglie i bambini dagli zero ai tre anni d’età.

 Varallo progetto da due milioni per trasformare il nido

Si va dalla messa in sicurezza dell’edificio alla verifica sismica, dall’adeguamento strutturale all’efficientamento energetico. Insomma un pacchetto corposo di opere per un miglioramento generale dell’immobile che trova conferma nell’importo preventivato per la loro esecuzione. Il progetto, redatto dallo studio tecnico di Borgosesia dell’ingegnere Stefano Vantaggiato ammonta infatti complessivamente ad 1.900.000 euro, di cui 1.320.000 per lavori oltre a 580.000 per somme a disposizione dell’amministrazione.

LEGGI ANCHE Valdilana serra in cortile per portare le scuole all’aperto

L’obiettivo

Con il progetto pronto, il Comune di Varallo potrà in futuro concorrere alle risorse previste dal Recovery plan. «La prima cosa da fare era appunto arrivare a un progetto esecutivo – spiega il sindaco Eraldo Botta -, cosa che è stata possibile fare grazie al Fondo per la progettazione degli Enti locali, destinato al cofinanziamento statale della redazione dei progetti di fattibilità tecnica ed economica e dei progetti definitivi degli Enti locali per opere destinate alla messa in sicurezza di edifici e strutture pubbliche. Siamo così arrivati ad avere in mano un progetto i cui lavori sfiorano i 2 milioni di euro e che, se in futuro saranno approvati, ci permetteranno di trasformare il Nido comunale un asilo modello. Non ci resta che incrociare le dita».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *