Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Varallo tre strutture a servizio della sanità Covid
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Varallo tre strutture a servizio della sanità Covid

Casa Parella si aggiunge al Cavs e all'ostello.

Varallo tre strutture

Varallo tre strutture per ospitare i pazienti con Covid: oltre al Cavs e all’ostello, ora c’è anche Casa Parella.

Varallo tre strutture Covid

Varallo ha messo a disposizione dell’Asl per i malati di Covid tre strutture. Il centro Cavs Covid, aperto lo scorso maggio al piano terra della Casa della salute dove fino a qualche anno fa aveva sede il Country Hospital, è in questi giorni al completo. I dieci posti letto dedicati ai pazienti covid positivi, ma dimissibili dall’ospedale, e che nella struttura varallese possono trascorrere l’ulteriore fase della malattia con le necessarie cure, sono tutti occupati. A questi si aggiungono le nove camere dell’ostello comunale che l’amministrazione Botta aveva messo a disposizione dell’Azienda sanitaria vercellese già nella prima ondata della pandemia per ospitare tutti quei pazienti non ancora del tutto guariti ma comunque autosufficienti e in attesa del secondo tampone negativo. Qui al momento sono occupate otto delle nove camere.

Casa Parella

E’ invece recente la decisione dell’amministrazione varallese di destinare ai pazienti Covid anche Casa Parella, la dependance dell’albergo “La casa del pellegrino” al Sacro Monte. In questo caso, sono al momento utilizzate un paio delle 11 camere a disposizione. Come l’ostello, anche questa struttura è destinata a pazienti affetti da coronavirus asintomatici o guariti ma in attesa del secondo tampone negativo e, in ogni caso, che non possono rimanere o rientrare nelle loro abitazioni. «Siamo una delle poche città ad aver messo a disposizione ben tre strutture – dice il sindaco Botta – e quindi siamo molto orgogliosi di aver dato un contributo così importante per la cura di questo virus. Tengo però a precisare – e mi rivolgo in particolare ai tanti cittadini che mi contattano per poter usufruire di tali strutture -, che non sono io a decidere chi entra e chi no. Ostello, Cavs e Casa Parella sono affidate e gestite dall’Asl Vercelli e dunque solo l’azienda sanitaria locale decide quali pazienti trasferire o ricoverare in tali strutture».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *