Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Assaltano due bancomat con l’esplosivo: ricerche in corso | VIDEO
Cronaca Fuori zona -

Assaltano due bancomat con l’esplosivo: ricerche in corso | VIDEO

La vicenda sembra ricordare quanto accaduto tempo fa a Grignasco.

Due colpi, in rapida successione, nella notte di oggi 20 ottobre. I ladri assaltano due bancomat con l’esplosivo a Vische e a Tonengo di Mazzè.

Assaltano due bancomat con l’esplosivo

Come riporta la Nuova periferia.it, sono due i colpi messi a segno nella notte di oggi – domenica 20 ottobre – a Vische e nella vicina Tonengo di Mazzè. Quattro o cinque persone, in rapida successione, hanno fatto saltare attraverso la cosiddetta “marmotta” due sportelli automatici della Banca d’Alba e del Canavese.

Clicca per guardare il video

L’intervento dei militari dopo l’esplosione a Tonengo di Mazzè

A Tonengo, due pattuglie dei carabinieri in servizio di perlustrazione in zona, allertate da residenti che avevano sentito il forte boato, hanno subito intercettato la banda di criminali, prima ancora che riuscissero a smurare completamente i contenitori delle banconote ed a impossessarsi del denaro.

Il lungo inseguimento

Ne è scaturito un lungo inseguimento che si concludeva sull’autostrada Torino-Milano, all’altezza di Rondissone, dove i fuggitivi hanno abbandonato intenzionalmente, nonché alquanto pericolosamente, nella corsia di sorpasso il proprio Land Rover Evoque poi risultato rubato, e sono fuggiti a piedi nei campi limitrofi.

I malviventi ricercati ovunque, elicottero in volo e posti di blocco

I Carabinieri della Compagnia di Chivasso, a quel punto, vista la pericolosità della situazione hanno preferito deviare il traffico autostradale così da scongiurare possibili gravi incidenti ai veicoli in transito. Contestualmente due militari della Stazione Carabinieri di Caluso hanno spostato a mano il Suv, liberando la carreggiata.
Si è alzato in volo anche un elicottero dell’Arma per le ricerche dei fuggitivi, che sono tuttora in corso con diversi posti di blocco nell’area interessata.

Foto d’archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente