Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Cani lasciati in auto: due rotweiller rischiano la morte
Cronaca Fuori zona -

Cani lasciati in auto: due rotweiller rischiano la morte

E' accaduto a Torino. Gli animali sono stati salvati in extremis dai vigili del fuoco e dalla polizia municipale.

cani lasciati

Cani lasciati in auto, senza acqua e con i finestrini chiusi: due animali hanno rischiato di morire a Torino.

Cani lasciati in auto

Erano stati lasciati dentro l’auto, ferma nel parcheggio sotterraneo di un centro commerciale di Torino. Due cani di razza rotweiller hanno rischiato così di perdere la vita. I due animali erano chiusi all’interno del veicolo senza acqua a disposizione e con i finestrini completamente chiusi, intorno alle 14 di venerdì pomeriggio, con una temperatura molto alta. A notare i cani sofferenti sono stati alcuni passanti, che hanno allertato la polizia municipale.

Disidratati

Gli agenti hanno tentato di rintracciare la proprietaria con degli annunci all’interno del centro commerciale, ma senza risultato. Sono quindi intervenuti i vigili del fuoco, che hanno rotto un vetro per liberare gli animali, ormai a rischio di morire disidratati. I rotweiller sono stati visitati dai veterinari e affidati a un canile. La proprietaria è stata denunciata per maltrattamenti.

I pericoli

Occorre ricordare che gli abitacoli delle auto, in estate, raggiungono temperature estremamente elevate. In un quarto d’ora, un veicolo al sole può arrivare a quota 65 gradi. I cani, che non sudano, sono ancora più soggetti degli esseri umani ai colpi di calore. Per questo lasciarli in macchina, anche per breve tempo, significa condannarli a una terribile morte per disidratazione. Anche in casa occorre assicurarsi che gli animali abbiano a disposizione uno spazio ombreggiato e rifornirli regolarmente di acqua fresca e pulita. Non vanno, inoltre, portati a spasso nelle ore più calde della giornata: rischiano di ustionarsi le zampe sull’asfalto rovente.

Immagine di repertorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente