Cronaca Fuori zona -

Frana sul Cervino: cordate costrette a evacuare con l’elicottero | VIDEO

Una notevole scarica di pietre nella zona della cresta del Leone.

Frana sul Cervino: cordate costrette a evacuare con l’elicottero. Una notevole scarica di pietre nella zona della cresta del Leone.

Frana sul Cervino: cordate costrette a evacuare con l’elicottero

Per fortuna nessun alpinista è rimasto coinvolto dal distacco di roccia e pietre di significative proporzioni verificatosi sul Cervino poco dopo le 17 di ieri, martedì 2 agosto. Tuttavia, tre cordate sono risultate presenti in parete a monte della frana ed i tecnici hanno deciso per la loro evacuazione in elicottero. Qui sotto, nel video di Aosta Sera.

Il crollo alla cresta del Leone

Il crollo ha interessato, in particolare, la zona della cresta del Leone, a quota 3.715 metri, sollevando una nube di polvere che è stata notata alla distanza e che ha fatto scattare la segnalazione al Soccorso alpino valdostano, mettendo in moto le verifiche.
LEGGI ANCHE: Bloccati dal maltempo sul Cervino: ore da incubo per due alpinisti

Il trasporto delle tre cordate in quota, con l’attivazione dell’elicottero di supporto “Sierra Alfa 3”, è iniziato quando tutti gli alpinisti hanno raggiunto la capanna Carrel (3.835 metri), dove il Sav ha lasciato due guide, per gestire il gruppo che si formerà al rifugio.

Le guide avevano già sospeso l’attività lungo la via normale

Lo scorso 20 luglio, la società delle guide alpine del Cervino aveva sospeso in via preventiva la vendita dell’ascensione lungo la via normale della “Gran Becca”, segnalando tra i problemi dati dalle condizioni in alta quota legate alla siccità proprio i possibili crolli di pietre, anche di grosse dimensioni, difficili da prevedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.