Seguici su

Cronaca

Ingrana la retromarcia e scappa dai Carabinieri: aveva con sé un etto e mezzo di eroina

Pubblicato

il

droga al posto

Ingrana la retromarcia e scappa dai carabinieri: arrestato un giovane di Biella in possesso di droga.

Ingrana la retromarcia e scappa dai carabinieri

Come riportano i colleghi de La provincia di Biella, i carabinieri di Biella hanno arrestato M. M., di 29 anni, residente in città, disoccupato pregiudicato e trovato in possesso di un etto e mezzo di eroina (sequestrata). Intorno alle 22.30  della scorsa sera, a Carisio, i militari hanno intercettato una BMW guidata da M.M., già noto alle forze dell’ordine per i precedenti penali e perché sorvegliato speciale.

Sulla BMW di un amico (arrestato recentemente)

Da un rapido controllo del numero di targa, il veicolo (una BMW di grossa cilindrata) è risultato essere intestato a una terza persona, anch’essa conosciuta e recentemente tratta in arresto dai Carabinieri della compagnia di Cossato per il possesso di oltre un etto di cocaina. I militari hanno quindi voluto procedere all’ immediato controllo del conducente.

Fugge in retromarcia

Il 29enne, dopo avere finto di accostare, ha ingranato la retromarcia e dopo un testa coda è fuggito a forte velocità in direzione di Buronzo, tentando di fare perdere le proprie tracce. Dopo circa 5 chilometri di inseguimento in auto, il ragazzo ha abbandonato il veicolo tentando di fuggire a piedi e disfarsi di un involucro gettandolo a terra, ma è stato raggiunto dai Carabinieri, bloccato e accompagnato in caserma a Biella.

LEGGI ANCHE: Quarona fermati per un controllo scappano dalla polizia: multe da 400 euro e una denuncia

Circa 600 dosi di eroina

Quello stesso involucro, a seguito delle analisi effettuate presso gli uffici del Nucleo Investigativo, è risultato contenere 150 grammi di eroina di buona qualità e idonea a essere frazionata per ottenere un considerevole numero di dosi (non meno di 600), evidentemente destinate al mercato biellese.

Arrestato e portato in carcere

L’uomo è stato quindi tratto in arresto per i reati di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e denunciato anche per le violazioni pertinenti le normative anti-Covid, e per quelle connesse al suo particolare status di sorvegliato speciale. Quella stessa notte l’uomo è stato portato alla casa circondariale di Vercelli.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *