Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Malore in auto: carabinieri lo salvano con 20 minuti di massaggio cardiaco
Cronaca Borgosesia e dintorni -

Malore in auto: carabinieri lo salvano con 20 minuti di massaggio cardiaco

E’ successo lungo la strada tra Gozzano e Valduggia. L’uomo è stato ricoverato in ospedale in prognosi riservata.

Malore in auto: carabinieri lo salvano con 20 minuti di massaggio cardiaco. L’uomo è ricoverato ancora in ospedale in prognosi riservata.

Malore in auto: carabinieri lo salvano con 20 minuti di massaggio cardiaco

E’ successo lungo la strada tra Gozzano e Valduggia. Pochi giorni fa una pattuglia dell’aliquota radiomobile della compagnia di Arona stava percorrendo la provinciale quando veniva attirata da un’autovettura ferma, senza apparente motivo, al centro della carreggiata. Avvicinatisi al mezzo, i militari hanno subito notato che sul sedile lato guida era riverso un giovane che sembrava privo di sensi. Dopo aver provato a richiamare la sua attenzione, senza ricevere alcuna risposta, i carabinieri hanno tentato inutilmente di aprire le portiere del mezzo, risultate però bloccate dall’interno.

LEGGI ANCHE Malore in auto, incidente sulla strada del lago Maggiore

Non potendo attendere oltre, hanno deciso di rompere il cristallo della portiera utilizzando lo sfollagente in dotazione e hanno potuto così estrarre dall’auto il malcapitato che effettivamente risultava privo di respiro e di battito cardiaco. Dopo aver allertato immediatamente il “118”, i due militari hanno iniziato a praticare ininterrottamente – per circa 20 minuti – il massaggio cardiaco sino a quando il giovane non ha dato debolissimi segni di ripresa. Le tempestive manovre di rianimazione praticate dai carabinieri all’automobilista, un 32enne che era rimasto vittima di un arresto cardiaco, hanno consentito di evitare conseguenze più gravi in attesa dell’intervento del personale sanitario che, una volta giunto sul posto, ha potuto così prestare le prime cure e trasportare l’uomo, in gravi condizioni ma ancora in vita, all’ospedale di Borgomanero, dove è stato ricoverato in prognosi riservata.

Foto d’archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente