Cronaca Novarese -

Sotto la Cremosina una giro di spaccio da 200mila euro

Operazione dei carabinieri ha individuato un vero supermarket della droga.

Sotto la Cremosina una giro di spaccio da 200mila euro. Operazione dei carabinieri ha individuato un vero supermarket della droga.

Sotto la Cremosina una giro di spaccio da 200mila euro

Quattro persone in carcere, tre con l’obbligo di dimora e relativa presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria e due con il divieto di dimora in Novara e provincia. In tutto, diciotto indagati. E un giro di affari stimato intorno ai 200mila euro.

Sono questi i numeri dell’operazione denominata “Sem” conclusa dai carabinieri di Arona con la collaborazione di altri reparti territoriali del Piemonte e della Lombardia. Una serie di provvedimenti cautelari che derivano da una minuziosa attività di indagine iniziata nel dicembre 2021 e concluso a marzo 2022 dal nucleo operativo e radiomobile, e diretta dalla procura della Repubblica di Novara. A coordinare il tutto, il sostituto procuratore Silvia Baglivo.

In pratica, è stata individuata una vasta rete organizzata di spaccio che operava appena sotto la Cremosina, nella zona di Gozzano e centri confinanti, e che serviva anche “clienti” in arrivo dalla Valsesia. Una sorta di supermarket della droga con consegne 24 ore su 24.
LEGGI ANCHE: Droga nei boschi di Ghemme: spacciatori a processo

Un giro di affari da 200mila euro

La complessa ed accurata attività d’indagine ha permesso di documentare e poi contestare agli indagati cessioni di cocaina per un peso pari a oltre 2 chili, di eroina per un peso pari a oltre 5 chili ed oltre 2 chili di hashish, il tutto per un giro di affari di oltre 200mila euro.

La problematica dello spaccio di sostanze stupefacenti nelle zone boschive purtroppo è un allarme sociale molto presente in queste località. E coinvolge, come emerso dall’indagine, un territorio molto vasto e difficilmente penetrabile, con una vasta platea di consumatori assolutamente eterogenea sia come classe sociale che come età.
Foto d’archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.