Seguici su

Cronaca

Stalking e violenza sessuale in Valsesia, il processo resta a Vercelli

Pubblicato

il

Stalking e violenza sessuale in Valsesia. Aula tribunale

Stalking e violenza sessuale sul luogo di lavoro. Il processo resta a Vercelli nonostante la eccezione.

A marzo il processo al 40enne accusato di stalking

Si aprirà a marzo il processo nei confronti del 40enne accusato di stalking e violenza sessuale nei confronti dell’ex collega.

Il processo sarà discusso in tribunale a Vercelli. Durante la prima udienza, infatti, era stata sollevata una eccezione in quanto uno degli episodi contestati sarebbe avvenuto tra le province di Vercelli e Novara.

Violenza sessuale sul lavoro

Stando alle ricostruzioni, la vittima, una 34enne residente nel circondario di Borgosesia, aveva da poco iniziato a lavorare nel settore alimentare. In alcune occasioni, quindi, era affiancata al responsabile. Il suo compito era quello di mostrarle in cosa consisteva il lavoro e istruirla al meglio per gestire il mercato.

Ma l’uomo aveva approfittato del suo ruolo lavorativo infastidendo la collega con continui approcci. Era perfino arrivato a toccarle un seno e ad abbassarsi le mutande, costringendola a toccargli le parti intime.

La vittima costituita parte civile

A marzo saranno chiamati a deporre i testimoni della procura e della parte civile, ovvero la 34enne che ha subito le pesanti avances. La donna è rappresentata dall’avvocato Fabrizio Lauti di Borgosesia.

Citata inoltre come responsabile civile l’azienda per cui i due lavoravano ai tempi dei fatti, un’azienda valsesiana nel settore della ristorazione collettiva.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *