Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Valdilana cinghiale investito sulla provinciale
Cronaca Sessera, Trivero, Mosso -

Valdilana cinghiale investito sulla provinciale

L'animale si è poi dato alla fuga nei boschi.

valdilana cinghiale

Valdilana cinghiale investito da un’auto sulla provinciale 200.

Valdilana cinghiale investito

Ancora un incidente con un cinghiale sulle strade. Nella prima serata di mercoledì, sulla provinciale 200, a Valdilana, una donna al volante della sua auto ha investito un cinghiale. L’animale è sbucato all’improvviso sulla carreggiata e malgrado la conducente abbia subito azionato il freno, non ha potuto evitare l’impatto. L’auto ha subito dei danni. L’animale si è dato alla fuga nei boschi.

Immagine di repertorio

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

7 Commenti

  • IlTuoNemico ha detto:

    Bestie inutili e dannose, cosa si aspetta a ridurne drasticamente il numero? Che muoia qualcun altro? I vari animalari che protestano, potrebbero adottarli tutti e tenerseli nelle loro case o nei loro giardini.

  • Lucia Nadalin ha detto:

    Magari si potessero eliminare anche tutti gli umani inutili o addirittura pericolosi o dannosi! Il mondo non è solo degli umani, dobbiamo condividerlo e tutti hanno pari diritti..

  • Laki ha detto:

    Ce ne sarebbero tanti di umani da eliminare……..
    Io avrei le idee chiare su chi eliminare…..

  • Roberto x ha detto:

    Nessun essere umano è inutile! Siamo tutti figli di Dio.
    Io, piuttosto, sono rimasto perplesso nel vedere depositate ceste di fiori ed accesi ceri votivi da parte di animalisti a fronte dei cinghiali uccisi a Roma…
    Pazzesco!

  • Roberto x ha detto:

    Avrà avuto pure un trisnonno. Solo per il fatto che non l’abbia conosciuto, non significa per questo che non sia esistito…
    La vita, in origine, non si è generata dal caos ma è stata voluta da un Creatore, perché, come osservato da Einstein, l’universo è retto da regole ferree, mentre il caos non crea ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente