Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Varallo gattina Brigitta per due giorni bloccata sui tetti
Cronaca Varallo e Alta Valsesia -

Varallo gattina Brigitta per due giorni bloccata sui tetti

Sono intervenuti i vigili del fuoco e la polizia locale, ma il recupero è stato difficile: la micia, infatti, era spaventata.

varallo gattina

Varallo gattina imprigionata fra i tetti: disavventura a lieto fine per Brigitta.

Varallo gattina sui tetti

Ha avuto un lieto fine l’epopea di una micia a Varallo. La gatta è rimasta per due giorni isolata sui tetti del centro storico, ma ora la gattina Brigitta è sana e salva. E’ potuta tornare a casa grazie ai vigili del fuoco e alla polizia municipale di Varallo. La brutta avventura della micetta di proprietà della famiglia di Antonio Paglino di Varallo si è conclusa felicemente anche grazie a tutti coloro che hanno aiutato i suoi proprietari.

La scomparsa

Nei giorni scorsi il felino, che quotidianamente ha accesso al giardino di casa, dopo una delle sue uscite non ha più fatto ritorno, mettendo in allarme i padroni che la hanno cercata in tutta la zona di piazza San Carlo. Dopo due giorni di ricerche da parte della famiglia si è iniziato a sentire un miagolio insistente provenire dal tetto di uno degli edifici limitrofi. Dopo aver chiamato la gattina e non vedendola arrivare, i proprietari hanno contattato i vigili del fuoco e i vigili urbani che si sono prodigati per raggiungere il luogo dove si era individuata la gatta, il sottotetto di un edificio che si affaccia su corso Umberto I. L’animale spaventato non si è lasciato recuperare, neanche il posizionamento di una gabbia trappola è stato utile, e solo quando il padroncino ha riprovato a catturarlo si è lasciato prendere e portare a casa.

I ringraziamenti

«Sono molto contento che tutto si sia concluso per il meglio – commenta il proprietario Antonio Paglino – e volevo inoltre esprimere il mio apprezzamento per il lavoro svolto sia dai vigili del fuoco sia dalla polizia municipale di Varallo». Un ringraziamento particolare viene rivolto dalla famiglia Paglino a Carmen Pontarelli, vice comandante dei vigili urbani, che si è armata di gabbia-trappola per il recupero e per la sollecitudine e sensibilità dimostrate». Una vicenda analoga è andata in scena a Ghemme, dove una micia è rimasta imprigionata in un vecchio fienile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *