Seguici su

Attualità

Pitbull rischia la morte per eutanasia: l’Oipa diffida Comune

L’amministrazione vorrebbe sopprire il cane ritenendolo pericoloso, ma si innesca una curiosa controversia legale.

Pubblicato

il

Pitbull rischia la morte per eutanasia: l’Oipa diffida Comune. L’amministrazione vorrebbe sopprire il cane ritenendolo pericoloso, ma si innesca una curiosa controversia legale.

Pitbull rischia la morte per eutanasia: l’Oipa diffida Comune

Il Comune di Verbania, sul Lago Maggiore, vuole sopprimere Aci, un pitbull di quattro anni ritenuto pericoloso. Ma l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), tramite il proprio ufficio legale, ha inviato due diffide al Comune, chiedendo di non procedere alla soppressione dell’animale. Un episodio curioso che potrebbe fare giurisprudenza.

“Un solo episodio di aggressività”

«Aci è colpevole di un solo episodio “accertato” di aggressività nei confronti dell’ormai ex proprietario e non si conosce l’effettiva dinamica dei fatti e delle motivazioni che avrebbero scatenato la reazione del cane – spiega l’avvocato Claudia Taccani, responsabile dell’ufficio legale Oipa -. Dalla documentazione che abbiamo ottenuto con l’accesso agli atti emergerebbero altri presunti episodi non verbalizzati e dunque privi di supporto probatorio. In sostanza, dalla documentazione non emergono prove fattuali riguardo l’aggressività incontrollata del cane tale da giustificare la necessità di eseguire l’eutanasia. Non solo: ci risulta che la procedura sarebbe adottata in violazione della normativa di settore».
LEGGI ANCHE: Paura a Grignasco: donna e cagnolino aggrediti da un pitbull

Parte la diffida

Per salvare Aci, l’Oipa ha diffidato il Comune di Verbania e il Servizio veterinario a non autorizzare e a non eseguire l’eutanasia ma di trovare una soluzione nel rispetto della normativa.

«Chiediamo che, in attesa d’individuare un’eventuale struttura alternativa ritenuta idonea, siano nominati un medico veterinario esperto in comportamento animale e un educatore cinofilo specializzato nel recupero di cani impegnativi per avviare un percorso terapeutico specifico – continua l’avvocato Claudia Taccani -. Queste azioni potrebbero essere supportate dalle associazioni. Da parte nostra, nomineremo un veterinario comportamentalista per una perizia di parte».

1 Commento

1 Commento

  1. Marco

    21 Gennaio 2023 at 17:31

    Facciamo che chi ha diffidato la soppressione di un cane pericoloso di una razza notoriamente molto pericolosa, se lo prende in carico personalmente e se lo porta a casa? Troppo comodo fare il solito gioco del “no” senza proporre alternative. E’ ora di finirla. Poi quando si legge dell’ennesima persona sbranata o dell’ennesimo bambino al quale un pitbull ha strappato via la faccia, poi ne riparliamo. Provate le cose sulla vostra pelle invece di fare i buonisti con la salute degli altri!!!

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *