Seguici su

Cronaca

Rapina da film sulla A4: Tir di traverso per fermare il portavalori

La banda in fuga ha poi cosparso la strada di chiodi: in azione almeno una decina di malviventi.

Pubblicato

il

Rapina da film sulla A4: Tir di traverso per fermare il portavalori.  La banda in fuga ha poi cosparso la strada di chiodi: in azione almeno una decina di malviventi.

Rapina da film sulla A4: Tir di traverso per fermare il portavalori

E’ caccia ai malviventi che questa mattina, lunedì 4 dicembre 2023, hanno assalito un furgone blindato lungo la A4 per tentare di rapinarlo. Tentativo però sfumato anche per la prontezza dei portavalori. Ma per tutta la mattinata si sono avuti code e rallentamenti sull’autostrada.

Come riportano i colleghi di Prima Novara, erano circa le 6.30 quando sull’autostrada Milano-Torino, poco più a est del casello di Novara Ovest, dei malviventi hanno cercato di assalire un furgone portavalori diretto verso Torino. I criminali avrebbero tentato di bloccare entrambe le corsie servendosi di un automezzo pesante, a poca distanza dal ponte sul Ticino, al confine tra Lombardia e Piemonte.

La prontezza del conducente

Ma qualcosa ha mandato all’aria i loro piani: l’autista del furgone, infatti, con prontezza e sangue freddo è riuscito ad evitare il blocco fuggendo e trovando rifugio nella vicina caserma della Polizia Stradale di Novara Est.

Pare che la banda fosse armata e che siano stati anche esplosi alcuni spari, fortunatamente senza conseguenze per nessuno.

Sul posto la Polizia stradale e la Mobile. La conseguenza sono state le lunghissime code createsi in seguito alla chiusura in entrambe le direzioni del tratto di strada interessato.

La strada cosparsa di chiodi

A complicare le cose ci sarebbero anche i chiodi triangolari che i malviventi avrebbero riversato sulla strada durante la loro fuga per rendere più difficile un loro inseguimento.

Intanto la polizia stradale li sta cercando in Piemonte e in Lombardia. Si ipotizza che si tratti di due “squadre” coordinate tra loro e composte da una decina di persone.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *