Seguici su

Attualità

Ucciso dal male a soli 16 anni: dolore per un grande appassionato di calcio

Tommaso Mottola viveva a Momo e studiava all’Ipsia di Vercelli.

Pubblicato

il

Ucciso dal male a soli 16 anni: dolore per un grande appassionato di calcio. Tommaso Mottola viveva a Momo e studiava all’Ipsia di Vercelli.

Ucciso dal male a soli 16 anni: dolore per un grande appassionato di calcio

«A pochi minuti da mezzanotte, mentre stavamo per brindare al nuovo anno è arrivata una notizia da farci gelare il sangue. Si è spento, vinto da una terribile malattia, Tommaso Mottola, per tutti “Tommy”, di soli 16 anni».

Così la pagina Facebook di Forzanovaranet (che raduna la tifoseria del Novara calcio) ha annunciato la scomparsa di un grande appassionato di calcio, vinto da una malattia contro la quale combatteva da circa tre anni. Inizialmente le cure apparivano efficaci, ma poi il male ha ripreso il sopravvento. Mamma Sara e papà Paolo sono stati accanto a lui fino all’ultimo.

Il funerale si celebra nel pomeriggio di oggi, mercoledì 2 gennaio, alle 14.30 nella chiesa parrocchiale di Momo. I genitori chiedono donazioni alla sezione di Novara della Ugi, anziché fiori.

Foto tratta dal sito Piemonte Sport

Il laboratorio del padre a Carpignano Sesia

Il ragazzo frequentava la scuola professionale da odontotecnico all’Ipsia di Vercelli, seguendo le orme paterne, gestore di un laboratorio dentale a Carpignano Sesia. La notizia della sua morte ha dato il via a centinaia di messaggi di cordoglio sui social. Tommy aveva fatto una promessa al suo idolo, Pablo Gonzalez, di assistere a una partita nei prossimi giorni, ma purtroppo la sua vita si è spenta alle 22.30 del 31 dicembre.

«Gli amici della curva lo descrivono come un’autentica enciclopedia azzurra – si legge ancora su Forzanovaranet -. Conosceva tutto quello che riguardasse il Novara: risultati, notizie, personaggi. Sabato pomeriggio era andato a salutarlo per l’ultima volta l’amico Pablo Gonzalez. Anche se era ormai allo stremo delle forze Tommy gli aveva fatto una promessa: “Esco dall’Ospedale e vengo a vederti contro l’Alcione”».

La passione per il calcio

Tommy, profondo conoscitore del calcio, dalla Champions League alla Terza categoria, aveva una memoria prodigiosa. Grande tifoso di Juventus, Novara e della squadra del suo paese, il Momo, aveva incontrato il suo idolo Gonzalez, che gli era stato accanto fino alla fine.

La sua carriera calcistica era iniziata nel Momo, poi trasferitosi a Caltignaga. Nonostante la malattia, meno di un mese fa aveva visitato il quartier generale della Juventus, incontrando Federico Chiesa e aggiungendo un “trofeo” alla sua collezione di amici campioni.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *