Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Daniele Baglione ci aspetta un anno duro, dobbiamo restare uniti
Politica Gattinara e Vercellese -

Daniele Baglione ci aspetta un anno duro, dobbiamo restare uniti

Il sindaco della città del vino guarda con speranza al 2021.

Daniele Baglione: ci aspetta un anno duro, dobbiamo restare uniti. Restare uniti, superare la pandemia e tornare a incontrarsi per strada. Si possono riassumere così gli obiettivi del sindaco di Gattinara, Daniele Baglione, per l’anno appena iniziato. Nell’agenda dell’amministrazione comunale, sono state completate le grandi opere pubbliche programmate da tempo e quindi il 2021 verrà utilizzato per dedicarsi alle manutenzioni.

Daniele Baglione: ci aspetta un anno duro, dobbiamo restare uniti

«Con il 2021 – dice Baglione – inizia un anno certamente diverso. Finalmente è terminato il 2020, ma non è che il nuovo anno abbia portato via tutto ciò che c’è stato nei mesi scorsi». Baglione divide il nuovo anno in due parti. «Nel primo semestre ci sarà ancora molto da fare – spiega il sindaco – per quanto riguarda la pandemia, con i suoi problemi sanitari ed economici. Gli obiettivi, in questa fase, sono tenere unita la comunità e dare risposte, anche economiche, laddove ci sono delle esigenze. Prossimamente approveremo il bilancio, con cui andremo a ridurre, seppur di poco, l’Irpef. Ma oltre a questi aiuti economici, grandi e piccoli che possono essere, a seconda delle disponibilità di bilancio, è fondamentale tenere unita la comunità, a partire dalle dirette Facebook in poi. A differenza di marzo e aprile scorso, infatti, il clima che si percepisce adesso non è più così unitario e ottimista. In giro c’è speranza, ma c’è anche molta preoccupazione».

Le speranze dall’estate

La seconda parte dell’anno, si spera, dovrebbe essere quella che segnerà il ritorno alla normalità. Vale a dire, per una cittadina, riportare la gente in strada a incontrarsi. «Nel momento in cui si dovessero aprire le maglie e si potrà tornare a uscire di casa – commenta il primo cittadino -, è importante tornare a organizzare eventi. Non solo i grandi eventi come “Luva” e “Rosso di maggio”, ma penso soprattutto anche a tante piccole iniziative, come festival, mostre, spettacoli. E in questo torneranno utilissime le nuove piazze: piazza Paolotti e piazza Cinema Italia. Questo servirà a far tornare la gente in strada, a parlare. Per fortuna questo desiderio di incontrarsi nei gattinaresi non è mai venuto meno, ma bisogna creare delle situazioni ah hoc». E’ sempre più difficile fare previsioni sui tempi, ma secondo Baglione, «è ragionevole pensare che con i vaccini e con il caldo, quando abbiamo visto lo scorso anno che le cose vanno meglio, con l’arrivo dell’estate si possa fare qualcosa. Tuttavia non so se sarà questo l’anno giusto per riprogrammare gli eventi con i grandi numeri, come la Festa dell’uva».

La fusione con Lenta

Tra i temi caldi del 2021 resta quello della fusione tra i Comuni di Gattinara e Lenta: a novembre si sarebbe dovuto votare per il referendum consultivo, ma la pandemia ha costretto a rimandare a tempi migliori la consultazione elettorale. «Il progetto – dice Baglione – non è affatto accantonato. Anche la pandemia ha insegnato quanto è importante lavorare insieme: se la fusione fosse già andata in porto, a quest’ora avremmo già avuto un milione di euro nelle casse del nuovo Comune e avremmo potuto ridurre le tasse per tutti. Inoltre resta fondamentale la collaborazione sempre più ampia con i Comuni dei dintorni, anche al di là della provincia. I rapporti di collaborazione e di auto mutuo aiuto saranno alla base di questa ripartenza e rinascita».

Lavori, ora si curano i dettagli

L’agenda dei lavori pubblici ha esaurito le voci delle grandi opere. «Sabato inaugureremo piazza Paolotti, che è una grande opera che è stata realizzata, l’ultima di quelle previste. Questo – spiega il sindaco – sarà l’anno delle manutenzioni. Le grandi opere a livello di riqualificazione urbana sono state fatte, ora si curano i dettagli: le asfaltature, il rifacimento dei cordoli dei marciapiedi, la sistemazione dei tanti sentieri collinari. Saranno interventi sartoriali su tutto il nostro territorio. Siamo riusciti a completare tutto quello che avevamo in mente di fare, ora ci dedichiamo ai dettagli».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *