Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Romagnano piano da 100mila euro per aiutare la ripresa
Politica Novarese -

Romagnano piano da 100mila euro per aiutare la ripresa

In programma riduzioni delle tasse per le attività e incentivi per i nuovi residenti.

romagnano piano

Romagnano piano per la ripresa dopo l’emergenza sanitaria: sconti sulle tasse e agevolazioni.

Romagnano piano per la ripartenza

Diverse iniziative per incoraggiare la ripresa: dalle agevolazioni nel pagamento delle tasse e riduzioni delle aliquote, fino all’esenzione per due anni della tassa sui rifiuti per i nuovi romagnanesi. Queste alcune delle misure previste dall’amministrazione comunale di Romagnano guidata da Alessandro Carini, e concordate con i gruppi di minoranza. I provvedimenti sono stati votati all’unanimità venerdì in consiglio comunale. «Alcuni punti – spiega Carini – ricalcano gli intenti del nostro programma elettorale, mentre altri sono suggerimenti apportati dai consiglieri di minoranza».

Niente aumenti

Un lavoro di squadra, quindi, per aiutare i cittadini e le attività del paese. «L’impatto economico del lockdown è stato notevole, per questo abbiamo deciso di adottare queste misure, che verranno finanziate con risparmi del Comune». Nessun taglio di servizi, quindi, o aumento di tasse a Romagnano. «Tanti sono gli interventi presi a livello nazionale e regionale – prosegue il primo cittadino -. Abbiamo intrapreso alcune iniziative che andranno ad integrarli, senza doppioni».

Tari e Imu

Innanzitutto è prevista la riduzione della tassa sui rifiuti in percentuale ai giorni di chiusura delle attività, un calcolo effettuato in automatico dagli uffici del municipio. Per i settori maggiormente colpiti, come agenzie di viaggio, ristoranti, bar, servizi educativi, la tassa rifiuti sarà ulteriormente abbassata. Verrà poi applicata una riduzione sull’Imu per i negozi dove il gestore è anche proprietario dell’immobile; negli altri casi ci sono già interventi statali. Nessun aumento per Tari e Imu, i cui pagamenti sono stati spostati a settembre, per la Tari, mentre l’Imu si paga, volendo, in due tranche, a luglio e in autunno.

Nuovi cittadini

C’è poi la ripresa della politica per incentivare l’arrivo di nuovi nuclei famigliari a Romagnano. I nuovi cittadini per due anni non pagheranno la tassa sui rifiuti. «Verrà anche messo a punto un regolamento per la sospendere gli oneri di ristrutturazione e costruzione delle abitazioni». Per quanto riguarda le scuole, «verranno rimborsati i servizi scolastici non usufruiti – prosegue Carini -. Daremo la possibilità di scegliere tra un rimborso o un sconto il prossimo anno». Ci sono poi misure già attivate, dal centro estivo, organizzato con un contributo ingente del Comune, alle colonnine igienizzanti regalate ai commercianti. «Si tratta di un piano complessivo da oltre 100mila euro, i cui costi non ricadranno sui romagnanesi».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente