Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Romagnano torna la gara di spelling in lingua inglese
Attualità Novarese -

Romagnano torna la gara di spelling in lingua inglese

Circa quaranta i bambini che si sono misurati con la sfida. In giuria un'insegnante madrelingua.

romagnano torna

Romagnano torna la gara delle scuole: bambini e ragazzi si cimentano nello spelling in inglese.

Romagnano torna lo spelling

Un’iniziativa tipica dei paesi anglosassoni approdata a Romagnano per conoscere meglio l’inglese. Si tratta del campionato di spelling, una manifestazione voluta dalla passata amministrazione comunale guidata da Cristina Baraggioni, e che il prossimo anno verrà ripresa dalla nuova di Alessandro Carini. Anche perché era stato, in particolare, proprio l’ex assessore all’istruzione a caldeggiare la manifestazione insieme alle insegnanti.
«Quest’anno – commenta Carini – c’erano anche scuole provenienti dalla Lombardia, da Pavia, e poi dal Vercellese e dal Novarese». Oltre ovviamente all’istituto comprensivo Curioni, che comprende le scuole di Romagnano, Prato Sesia, Cavallirio, Grignasco, Ghemme e Sizzano. Non erano presenti tuttavia altri istituti scolastici della Valsesia.

Studenti preparati

Rivolto ai giovani delle scuole medie, il concorso ha comunque richiamato una quarantina di bambini. Presidente della giura era l’insegnante madrelingua Marissa Frost. «La gara rispetto allo scorso anno è durata tantissimo – commenta Carini -. C’era un alto livello di preparazione. Se lo scorso anno dopo un’ora era finita, quest’anno è durata un’ora e mezzo. I ragazzi hanno sbagliato praticamente per sfinimento». Al primo posto quest’anno la scuola paritaria Sant’Antida di Vercelli, seguita dalla scuola media di Pavia e al terzo posto i bambini della scuola paritaria “Immacolata salesiane di don Bosco” di Novara. «Gli studenti sono stati veramente molto bravi, tenendo conto che l’iniziativa era partita dopo Pasqua e hanno dovuto prepararsi per tutto maggio, con in mezzo le varie verifiche, gite e saggi. Un iniziativa che senz’altro deve rimanere».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente