Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Borgosesia inaugura muro della gentilezza
Attualità Borgosesia e dintorni -

Borgosesia inaugura muro della gentilezza

Taglio del nastro questa mattina. Si tratta di un’iniziativa partita tempo fa dall’Iran (esattamente dalla città di Mashad) che ha fatto il giro del mondo

Borgosesia inaugura il muro della gentilezza. Si tratta di un muro ligneo che avrà le dimensioni di 5 metri per 3, sarà posizionato in centro ma in uno spazio che offre anche riservatezza a chi se ne voglia servire, e sarà dotato di copertura e diversi appendiabiti, dove chi può lascia un indumento invernale a disposizione di chi ne ha bisogno.

Borgosesia inaugura il muro della gentilezza

Si tratta di un’iniziativa partita tempo fa dall’Iran (esattamente dalla città di Mashad) che ha fatto il giro del mondo ed è ormai consolidata in diverse città europee, che sta prendendo piede anche in Italia e che ha un grande valore solidale. «Quando ho visto su Facebook il post di Marta Raimondi che auspicava la realizzazione anche a Borgosesia del Muro della Gentilezza mi sono subito attivato – spiega l’Assessore Paolo Urban – contattando immediatamente Marta e il nostro parroco don Ezio Caretti, responsabile della Caritas cittadina, per mettere immediatamente in pratica questa idea che per me è espressione di grande civiltà: da un lato rappresenta la possibilità di dare una mano ai nostri concittadini in difficoltà, dall’altro valorizza il concetto del riuso, pratica indispensabile per uno sviluppo ecosostenibile. L’approccio costruttivo che caratterizza la nostra Amministrazione – aggiunge Urban – ha dato subito i risultati e domani inauguriamo il nostro muro: siete tutti invitati alle 10, nell’area che si trova tra il Comune e il retro della Chiesa Santi Pietro e Paolo, prospiciente la Piazza e i giardini».
«Il Muro della Gentilezza – ci tiene a sottolineare Marta – non è uno spazio dove liberarsi di vecchie cose che altrimenti andrebbero nella spazzatura, ma dev’essere uno spazio di condivisione di indumenti ancora belli, ma che semplicemente non si indossano più. Non importa cosa si condivide, l’importante – conclude Marta – è offrire le proprie eccedenze con il rispetto per chi ne farà uso e anche per gli indumenti stessi, che avranno così una nuova vita».
Apprezzamento verso l’iniziativa anche da don Ezio Caretti: «Il Muro della Gentilezza è un aiuto in più per il bisogno autentico di molta gente, che noi tocchiamo con mano quotidianamente con la Caritas – dice il parroco – un muro aperto è facile da raggiungere e può essere un modo per intercettare coloro che per vari motivi non vengono al centro Caritas. Mi auguro che venga rispettato e utilizzato per lo scopo di solidarietà per cui Comune e la Caritas lo hanno pensato».
L’Assessore Urban chiude con un monito: «Questo muro è un simbolo di contrasto allo spreco, in qualsiasi forma esso si manifesti, e di aiuto verso chi è in difficoltà: mi auguro che tutti ne comprendano la valenza. Per evitare atti irrispettosi, l’area sarà videosorvegliata».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente