Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Cellio con Breia: otto telecamere contro ladri e vandali
Attualità Borgosesia e dintorni -

Cellio con Breia: otto telecamere contro ladri e vandali

«Tutto il territorio è controllato: è una questione di sicurezza e di rispetto per i cittadini».

Più di duecento modi di dire salvati dall'oblio: grazie alla Pro loco Valle Cellio

Cellio con Breia: telecamere anche al bivio tra Crabia e Arva (e forse in arrivo a Merlera).

Cellio con Breia: otto telecamere contro ladri e vandali

Una nuova telecamera per potenziare la videosorveglianza in paese. Da qualche giorno Cellio con Breia ha installato un nuovo apparecchio al bivio per le frazioni di Arva e Crabia. Un tassello ulteriore per la vigilanza e la sicurezza (in totale ci sono otto apparecchi), che potrebbe ampliarsi con un’altra telecamera all’ingresso di frazione Merlera.

L’ultima telecamera (al bivio tra Arva e Crabia) è finanziata con fondi delle casse comunali. «Negli anni ne sono state installate altre sette in altrettanti punti strategici del territorio – spiega il sindaco Daniele Todaro -. Oltre che nel capoluogo, dove ce ne sono due, le telecamere sono a Carega, Cavaglia, San Bernardo, Breia e Sella».

Maggiore sicurezza per il paese

«Sono interventi necessari per avere sempre sotto controllo il capoluogo e le frazioni – prosegue il primo cittadino -. Considerato che sul territorio comunale sono numerosi che i borghi e le strade, diventa necessario installare le telecamere per poter garantire una maggiore sicurezza a tutti. Siamo convinti siano un ottimo deterrente per episodi di microcriminalità e per la tutela e il decoro urbano. Speriamo che le persone, sapendo di poter essere individuate, scelgano di comportarsi in maniera più civile».

Primi riscontri positivi

Da quando le prime telecamere sono state installate ci sono stati i primi riscontri: «Abbiamo potuto scoprire i responsabili di alcuni fatti che altrimenti sarebbero rimasti sconosciuti – dice Todaro -. Chi ha sbagliato è stato richiamato e avvisato che, se fosse accaduto ancora, sarebbe andato incontro a una multa».

Una nona a Merlera?

Il sistema di videosorveglianza non è però ancora concluso: «Nostra intenzione è di poterne collocare un’altra all’ingresso di frazione Merlera – conclude Todaro -. Purtroppo temiamo di non poterlo fare perché non c’è una linea sufficiente per il supporto. Sarebbe indispensabile perché con quest’ultimo apparecchio praticamente tutto il paese sarebbe controllato, dal centro alle frazioni, alle strade di accesso».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *