Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Dal passo della Colma adesso si vede il lago d’Orta
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Dal passo della Colma adesso si vede il lago d’Orta

Qualche giorno fa alcuni volontari si sono ritrovati alla Colma per completare il lavoro già iniziato qualche settimana fa

Dal passo della Colma adesso si vede il lago d’Orta. Qualche giorno fa alcuni volontari si sono ritrovati alla Colma per completare il lavoro già iniziato qualche settimana fa.

Dal Passo della Colma

«L’obbiettivo finale di questi sforzi – dice il sindaco di Arola Corrado Cordaro – è trasformare la strada che unisce la Valsesia al Cusio in una strada panoramica, così come aveva già intuito il suo ideatore Giulio Pastore nel 1965».

LEGGI ANCHE Civiasco volontari in azione alla Colma 

Interventi

Si parte quindi dal passo della Colma con un lavoro ben coordinato di cui i principali artefici sono Aib di Arola e poi anche di Civiasco. Tanti anche i semplici amici e volontari che in modo determinato ma allegro e conviviale, hanno anche ripulito l’area dai tantissimi rifiuti dando all’iniziativa una forte connotazione ecologica.

Molto gradita la visita di alcune autorità amministrative di rilievo che si sono prestate immediatamente a collaborare per la realizzazione dell’opera, considerata la forte attrattiva anche turistica degli obbiettivi. Visita che ha decisamente rinfrancato e maggiormente motivato tutto il gruppo di lavoro. Nel mattino sono saliti al passo della Colma il presidente della provincia di Vercelli e sindaco di Varallo Eraldo Botta accompagnato dal vice Pietro Bondetti, che non ha potuto trattenersi da almeno “una tagliata” di motosega. Nel pomeriggio invece è stata la volta del vice presidente della provincia del Vco Rino Porini, che si è dimostrato altrettanto entusiasta di questa iniziativa.

Plausi

Più di un ciclista e motociclista si è fermato ad ammirare la nuova vista panoramica sul lago d’Orta complimentandosi con chi era all’opera. Non è mancato anche un momento allegro e conviviale con alcuni ciclisti in trasferta dalla Valsesia verso il Cusio che hanno condiviso coi volontari e le autorità presenti una colazione di metà mattinata e un buon bicchiere di vino.

Ditte private

«Importante è stato anche l’intervento di alcune ditte private come la Bettoni e Garbaccio che hanno compiuto volontariamente alcuni interventi particolarmente tecnici – aggiunge l’ideatore dell’iniziativa Ezio Raffredi – e che si sono rese ancora disponibili per alcune opere di consolidamento. Sorgerà una piccola camminata panoramica con delle panchine in loco e non mancherà una suggestiva inaugurazione che si terrà subito dopo l’evento importante del Giro d’Italia, che proprio il 28 maggio valicherà questo importante collegamento tra le nostre valli e sarà tra i primi a beneficiare di questo massivo intervento».

Come sempre in prima linea tra i volontari anche il sindaco di Civiasco Davide Calzoni nelle vesti di volontario Aib.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *