Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Gattinara lavori e raccolta fondi per il tetto della parrocchiale
Attualità Gattinara e Vercellese -

Gattinara lavori e raccolta fondi per il tetto della parrocchiale

Iniziati i lavori per rifare i tetti delle cappelle laterali.

Gattinara lavori e raccolta fondi per i tetti delle cappelle laterali.

Gattinara lavori e raccolta fondi

Sono iniziati i lavori di rifacimento dei tetti delle cappelle laterali della chiesa parrocchiale di San Pietro apostolo, a Gattinara. I lavori comporteranno la realizzazione di un imponente ponteggio, data la notevole altezza dell’edificio. Verrà anche installata una linea vita, per le future manutenzioni tutto attorno alla cupola, al di sotto del balcone perimetrale.
LEGGI ANCHE: Scuole Gattinara: pasti in classe e ingressi scaglionati

Raccolta fondi per sostenere i costi

L’importo di progetto è di 150mila euro e i lavori sono stati affidati all’impresa “Carpenteria e tetti F.lli Grigato srl” di Gattinara, mentre i ponteggi vengono realizzati dalla “Edil A-Z srl” di Pray. Parte della spesa sarà coperta dai fondi dell’8 per mille destinati alla Chiesa Cattolica, mentre la comunità parrocchiale, guidata da monsignor Franco Givone, si è già attivata per una raccolta fondi e iniziative destinate a sostenere i costi.

Infiltrazioni di acqua piovana

Il direttore dei lavori è l’architetto gattinarese Fulvio Caligaris, che già da anni segue gli interventi di manutenzione sulla parrocchiale. «Queste parti – spiega l’architetto Fulvio Caligaris -, rifatte parzialmente parecchi anni fa, presentano un notevole scivolamento dei coppi, con conseguente infiltrazioni di acqua piovana sulle volte delle parti sottostanti, con distacchi dell’intonaco ed ammaloramento delle decorazioni».

Riqualificazione

Verranno quindi sostituiti i coppi danneggiati, utilizzando tegole nuove nella parte sottostante, a uso canale, e tegole antiche di recupero nella parte soprastante. Verranno dotate tutte di ganci fermacoppo, su tutta la superficie delle coperture. Verranno sostituiti anche i listelli, sempre alla piemontese, mantenendo la grande orditura, con eventuale sostituzione di alcuni puntoni non più adatti.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *