Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > In calo i casi Covid al pronto soccorso. In media, solo uno al giorno
Attualità Borgosesia e dintorni -

In calo i casi Covid al pronto soccorso. In media, solo uno al giorno

Al “Santi Pietro e Paolo” le attività sono riprese con l’obiettivo di smaltire le liste d’attesa.

In calo i casi Covid al pronto soccorso. L’ospedale di Borgosesia “libera” 25 posti per la chirurgia.

In calo i casi Covid al pronto soccorso

Non più di un paziente Covid al giorno che si presenta al pronto soccorso. Anche questo è un chiaro segnale che l’emergenza sta via via declinando, e che anche nell’ospedale la situazione è di gran lunga meno critica rispetto a qualche mese fa.

LEGGI ANCHE: Alta Valsesia quasi tutta “Covid free”: preoccupa solo Quarona

Si prevede inoltre che, nelle prossime settimane, i pazienti Covid ospedalizzati possano occupare un solo reparto. Al momento, infatti, i contagiati sono ospitati in due reparti di Medicina.

L’ospedale torna a “respirare”

Intanto riprendono progressivamente le attività ordinarie degli ospedali dell’Asl Vercelli (compreso il “Santo Pietro e Paolo” di Borgosesia), così come le visite ambulatoriali. In particolare, al nosocomio di Cascine Agnona sono già stati riconvertiti i 25 posti letto della chirurgia generale destinati al Covid ed è stata riaperta una sala operatoria.

«Con due sale operative – spiegano dall’Asl – le attività sono riprese a pieno ritmo con l’obiettivo di smaltire progressivamente le liste d’attesa sulle operazioni chirurgiche, ortopediche e urologiche».

Riprendono anche le attività di screening

Anche l’attività ambulatoriale tornerà progressivamente a regime. Dal 25 maggio, oltre alle prestazioni più urgenti di categoria U e B, riprenderanno anche quelle meno urgenti di categoria D (differibili, la cui prima visita deve essere effettuata entro 30 giorni o entro 60 per le prestazioni diagnostiche) e P (prestazioni programmabili, non urgenti).

Così come riprenderà progressivamente a pieno regime l’attività di screening. Per tutte le prestazioni, i pazienti che avevano già prenotato saranno progressivamente ricontattati.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *