Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Macchie oleose avvistate nel fiume a Borgosesia
Attualità Borgosesia e dintorni -

Macchie oleose avvistate nel fiume a Borgosesia

Lo stesso fenomeno si era già presentato circa un mese fa

macchie oleose

Macchie oleose sulla superficie dell’acqua, nella zona del parco Magni: preoccupazione a Borgosesia.

Macchie oleose nella Sesia

Sulle acque del fiume Sesia galleggiavano alcune macchie oleose: diversi cittadini hanno notato le inconsuete condizioni della superficie dell’acqua, qualche giorno fa, nel tratto che scorre sotto il ponte di Aranco e a ridosso del parco Magni. E non è la prima volta che accade: c’è un precedente di poco più un mese fa. Lo stato delle acque del Sesia ha destato preoccupazione per il timore di uno sversamento di qualche sostanza nociva. Chi ha notato l’anomalia, riferisce di uno strato oleoso tale da ricoprire buona parte del tratto di fronte al parco Magni.

Eventuali pericoli

La situazione era evidente anche dal ponte di Aranco, e in molti si sono interrogati su quale potesse essere l’origine e se vi fosse il pericolo di ripercussioni sull’ambiente e sulla fauna ittica. Con il passare dei minuti, la sostanza è defluita, portata via dalla corrente. Non ci sarebbero tuttavia state segnalazioni ufficiali, in municipio o agli enti preposti, rendendo così impossibile svolgere ulteriori verifiche e magari risalire alla natura dello sversamento.

I precedenti

Un caso analogo risale appena ad ottobre, anche in quell’occasione segnalato da diversi borgosesiani. E la prossimità dei due episodi ha generato preoccupazione, per l’eventualità che il problema possa diventare ciclico. All’inizio dell’anno, si era a febbraio, si era avuta anche una anomala colorazione del Sesia: un’onda viola (risultata almeno non derivante da sostanza tossica) che aveva colorato il fiume per diversi chilometri, da Borgosesia fino all’altezza di Romagnano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente