Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Nuovo Servizio di risonanza magnetica all’Ospedale di Borgomanero
Attualità Novarese -

Nuovo Servizio di risonanza magnetica all’Ospedale di Borgomanero

Tecnologia all’avanguardia per il territorio.

Nuovo Servizio di Risonanza Magnetica all’Ospedale d Borgomanero.

Nuovo servizio a Borgomanero

Da lunedì 25 gennaio 2021 riprende l’attività del servizio di Risonanza Magnetica presso l’abituale sede in Ospedale a Borgomanero, con la dotazione di una nuova strumentazione ad
alta tecnologia, innovativa ed all’avanguardia, per una sempre migliore qualità delle prestazioni offerte alla popolazione.
L’ASL NO mediante gara europea ha acquisito esternamente il supporto gestionale del servizio RM, mantenendo comunque la titolarità degli esami e la possibilità di gestirli anche con propri
specialisti una volta superate le carenze di personale radiologo che pesano al momento sull’équipe della Radiologia.
Si è aggiudicata la gara, cui hanno partecipato tre qualificati operatori del settore, una società consortile denominata Gamma Project, con sede a Torino, composta dagli azionisti Althea Italia,
3B, Simco ed il Centro Radiologico Polispecialistico di Ternate che, dalla prossima settimana, inizierà l’esecuzione degli esami diagnostici RM nel nuovo reparto appena ultimato.
Occorre segnalare come, durante le lavorazioni, l’attività diagnostica non ha mai subito interruzioni poiché, per due mesi a partire da novembre 2020, gli esami sono stati eseguiti grazie
ad un mezzo mobile installato nel cortile dell’Ospedale di Borgomanero e messo a disposizione  dall’aggiudicatario per il breve periodo in cui è stata condotta l’attività di smontaggio della vecchia RM (utilizzata per oltre un decennio), la ristrutturazione del reparto e l’installazione della nuova unità di Risonanza Magnetica.
La nuova gestione operativa, sotto il controllo dell’ASL NO, sarà eseguita con la massima attenzione dei parametri qualitativi con l’obiettivo di ottimizzare le condizioni di fruibilità del
servizio attivo dal lunedì al sabato (orario dalle 8.00 alle 20.00) con eventuale ampliamento degli orari di apertura al pubblico sia per i pazienti ricoverati che ambulatoriali, operando con tassi di produttività congrui con l’entità dell’investimento e le misure di sicurezza anti Covid-19, sviluppando anche attività di formazione ed aggiornamento del personale dipendente.
L’integrazione di risorse e gli investimenti messi a disposizione del Servizio di Radiologia dovranno rappresentare un momento di stimolo e di crescita per l’ASL NO, tutto a vantaggio dei
cittadini che vi si rivolgono, anche alla luce di una possibile riduzione delle liste d’attesa e della mobilità passiva extra-regione per gli esami di RM che il Servizio intende ottenere.
Il progetto di riqualificazione delle aree non si è limitato a fornire risposte tecniche alle problematiche poste dagli aspetti impiantistici ma ha interessato anche il concetto di
“umanizzazione”, inteso come l’insieme di accorgimenti, di attenzioni e di scelte progettuali adottate al fine di rendere gli spazi oggetto dell’intervento, oltre che efficienti sul piano
impiantistico e strutturale, anche piacevoli, accoglienti ed ergonomicamente corretti per tutti i soggetti che lo abitano e lo utilizzano, soprattutto come luogo di lavoro.

 

LEGGI ANCHE: Prima risonanza magnetica cardiaca a Biella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *