Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Ospedale Borgosesia: ora curiamo malati che prima venivano trasferiti
Attualità Borgosesia e dintorni -

Ospedale Borgosesia: ora curiamo malati che prima venivano trasferiti

Francesco Rametta, primario del reparto di cardiologia, spiega l’impatto che avranno le nuove attrezzature sanitarie.

asl promette

Ospedale Borgosesia: «Ora cureremo malati che prima dovevano essere trasferiti».

Ospedale Borgosesia: un grande passo avanti

«Grazie ai nuovi macchinari, all’ospedale di Borgosesia sarà tecnicamente possibile trattare malati gravi che prima dovevano essere trasferiti in altre strutture». Francesco Rametta, primario del reparto di cardiologia del “Santi Pietro e Paolo” di Borgosesia, spiega così l’impatto che avranno le nuove attrezzature sanitarie acquistate da Fondazione Valsesia con il contributo della famiglia Loro Piana, e inaugurate ufficialmente sabato.

Nuovi respiratori

Si tratta di tre respiratori (ma presto diventeranno sette) della Dräger, storica azienda tedesca leader del settore, modello Atlan A 350. «Questa è una piattaforma di ventilazione – prosegue Rametta – che consentirà di poter trattare malati con insufficienza respiratoria di livello grave. E così tutti i pazienti, anche i cosiddetti malati da rianimazione, potranno essere assistiti a un livello alto».

Strumenti diventati fondamentali

LEGGI ANCHE: Coronavirus Borgosesia: Igea regala ecografo all’ospedale
L’utilizzo dei respiratori polmonari è diventato drammaticamente di attualità durante l’emergenza Covid-19. Il nuovo virus, infatti, nelle forme più gravi attacca soprattutto le vie respiratorie e per aiutare i pazienti diventa indispensabile affidarsi a questi macchinari, assicurando un adeguato volume di gas ai polmoni.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *