Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Pomate e farmaci al peperoncino: la scoperta di una ricercatrice di Gattinara
Attualità Gattinara e Vercellese -

Pomate e farmaci al peperoncino: la scoperta di una ricercatrice di Gattinara

Marta Serafini (29 anni) ha ricevuto il premio internazionale della European federation for medicinal chemistry

Pomate e farmaci al peperoncino: la scoperta di una ricercatrice di Gattinara.  Nascono da uno studio di Marta Serafini che pochi giorni fa ha ricevuto il premio internazionale della European federation for medicinal chemistry.

Pomate e farmaci al peperoncino: la scoperta di una ricercatrice di Gattinara

Serafini, 29 anni, si è laureata nel 2015 in chimica e tecnologie farmaceutiche e sta completando il dottorato di chimica farmaceutica nei laboratori del Dipartimento di scienze del farmaco a Novara. «Grazie all’ambiente stimolante, giovane e di grande professionalità – racconta la giovane ricercatrice – sono riuscita nei giorni scorsi ad avere il riconoscimento della European Federation for Medicinal Chemistry, dedicato a dottorandi che si sono distinti per le loro ricerche nel campo della chimica farmaceutica».

LEGGI ANCHE Scoperta discarica abusiva: c’erano 300 metri cubi di rifiuti

Serafini riceverà il riconoscimento e avrà l’opportunità di presentare le proprie ricerche durante il congresso internazionale di Efmc che si terrà a Basilea a settembre.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

 

2 Commenti

  • Gino Di Tacco ha detto:

    Un sincero plauso alla Ricercatrice, così giovane ed al contempo preparata!
    (Solo una curiosità, ma a cosa sono dedicate tali preparazioni “al peperoncino”? Non sono esclusive per pazienti calabresi, vero?)

  • Elena ha detto:

    Ma che servizio è????
    Pomate e farmaci al peperoncino…e dunque?
    Non una parola in cosa consisterebbe la scoperta, cosa curerebbero questi medicinali, niente…nessun approfondimento!
    Ditemi voi, a parte il fatto che la signorina in questione ha vinto un premio, cosa si capisce? 🤔😩

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente