Seguici su

Attualità

Romagnano, rubate sigarette per 8mila euro al centro smistamento

Due malviventi mascherati hanno scavalcato la recinzione e razziato l’auto di un tabaccaio.

Pubblicato

il

Romagnano, rubate sigarette per 8mila euro al centro smistamento. Due malviventi mascherati hanno scavalcato la recinzione e razziato l’auto di un tabaccaio.

Romagnano, rubate sigarette per 8mila euro al centro smistamento

Hanno scavalcato il muro di cinta coprendosi il volto con una maschera per non essere individuati tramite le telecamere. Si sono quindi diretti verso l’auto di un tabaccaio che aveva appena acquistato un cospicuo numero di stecche di sigarette. La vettura era posteggiata nell’area di sosta.

Hanno rotto il vetro, rubato gli scatoloni di sigarette e sono tornati a scavalcare il muro, dandosi alla fuga. Il tutto in un paio di minuti. Il colpo è stato messo a segno nella mattinata di ieri, venerdì 30 dicembre, nel Centro smistamento tabacchi di Romagnano. Un colpo che ha fruttato un bottino notevole: si stima che la merce rubata abbia un controvalore di almeno 8mila euro.
LEGGI ANCHE: Colpo in tabaccheria a Gattinara: sparite sigarette e “gratta e vinci” per migliaia di euro

Partite le indagini

Sul posto si sono portati i carabinieri, che hanno ricostruito il fatto. I malviventi entrati nel Centro smistamento erano due, ma è possibile che all’esterno vi fosse uno o più complici, necessari per velocizzare l’operazione. Quando infatti i due si sono impossessati degli scatoloni con le stecche, li hanno lanciati oltre il muro prima di scavalcare a loro volta. E’ possibile quindi che qualcuno all’esterno li abbia raccolti e caricati sopra qualche mezzo, in attesa dell’arrivo dei due ladri.

Il colpo è avvenuto nei pochi minuti durante i quali il tabaccaio ha lasciato l’auto parcheggiata per completare l’acquisto negli uffici del Centro smistamento. I carabinieri hanno quindi raccolto la denuncia del tabaccaio (per furto aggravato) e del responsabile del Centro (per violazione di domicilio).

 

 

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *