Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Serravalle recupera più di un milione di bottiglie di plastica
Attualità Serravalle e Grignasco -

Serravalle recupera più di un milione di bottiglie di plastica

I compattatori si trovano al lavatoio comunale. Dati da record da quando sono stati attivati.

Serravalle recupera più di un milione di bottiglie di plastica. Dati da record per il comune guidato da Massimo Basso.

Serravalle recupera più di un milione di bottiglie di plastica

Da qualche anno in paese sono attivi due impianti che servono per riciclare i contenitori di plastica. Inizialmente erano stati collocati di fronte al municipio e di fronte al supermercato Crai. Da qualche tempo invece sono stati trasferiti al lavatoio comunale. «L’azienda che li gestisce ci ha comunicato che uno dei compattatori, da quando è attivo, ha riciclato oltre un milione di contenitori – evidenzia il vice sindaco Guido Bondonno -. L’impianto sarà operativo da circa una decina d’anni, quindi è sicuramente un ottimo risultato».

Ricicloni

I serravallesi risultano dunque grandi “ricicloni”. «Abbiamo intenzione di cambiare uno dei compattatori perchè è particolarmente usurato – prosegue l’amministratore –. Ne poseremo a breve uno nuovo per dare la possibilità a tutti di continuare a riciclare». Tra l’altro è in previsione un ulteriore intervento. «Vorremmo ristrutturare il lavatoio comunale: si tratta di un restyling totale che riguarda la ritinteggiatura degli interni e degli esterni – evidenzia Bondonno -. Inoltre si vorrebbe rimettere in ordine le vetrate che caratterizzano la struttura. Ci sarà infine da intervenire poi sulla pavimentazione. Adesso abbiamo già contattato una azienda che potrebbe fare al caso nostro e prossimamente vedremo come intervenire».

LEGGI ANCHE Lavatoio Serravalle usato come pattumiera

Bonus

Nel frattempo è mutata la modalità per ricevere i bonus del riciclaggio. «Per normativa non possiamo più scalare punti dalla Tari come eravamo soliti fare: negli anni scorsi ad ogni contenitore riciclato corrispondeva un punto che veniva poi scalato dalla tassa rifiuti – prosegue il vice sindaco –. Oggi questa modalità non è più riconosciuta. E allora abbiamo pensato di dare in alternativa dei buoni spesa. Ovviamente ci saranno dei periodi specifici in cui portare i propri punti in Comune per ottenere delle agevolazioni».

Un Commento

  • enrica palotto ha detto:

    Peccato che i compattatori siano quasi sempre pieni o fuori uso forse sarebbe bene pensare anche alle frazioni e agli anziani che ci abitano e magari non sono così comodi ad arrivare al lavatoio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *