Seguici su

Attualità

Si rompe l’acquedotto, via di Valduggia resta coi rubinetti asciutti

La riparazione delle condotte ha reso necessaria la temporanea interruzione dell’erogazione del servizio.

Pubblicato

il

Si rompe l'acquedotto, via di Valduggia resta coi rubinetti asciutti

Si rompe l’acquedotto, via di Valduggia resta coi rubinetti asciutti. Ancora problemi in paese per quanto riguarda il servizio idrico.

Si rompe l’acquedotto a Valduggia

Si rompe l’acquedotto e Valduggia deve correre ai ripari. Il paese guidato da Luca Chiara continua ad avere problemi per quanto riguarda la distribuzione di acqua potabile tra le abitazioni del paese. Una nuova perdita d’acqua ha infatti penalizzato nel fine settimana una zona del paese. Ad essere colpite sono state soprattutto le famiglie che abitano ai piani più alti dei condomini in via Romagnasco.

 Il guasto

Il guasto si è verificato in via Orcarale, poco prima della scuola primaria. Dopo le segnalazioni dei residenti, sono intervenuti i tecnici del Cordar per contenere gli effetti della perdita.

La riparazione

La riparazione delle condotte ha reso necessaria la temporanea interruzione dell’erogazione dell’acqua nelle case collegate. Gli interventi sono proseguiti in questi giorni per cercare di trovare una soluzione in tempi rapidi consentendo così agli abitanti di poter utilizzare il servizio, come di consueto.
LEGGI ANCHE: Valduggia acqua non potabile: per Romagnasco serve l’autobotte dei vigili

Gli abitanti più penalizzati

«Gli abitanti più penalizzati sono quelli di via Romagnasco dove le abitazioni hanno avuto poca pressione – spiega il sindaco Luca Chiara -. Alcuni dei residenti, che vivono nei piani più alti dei condomini, sono rimasti per alcune ore senza acqua».

I problemi precedenti

Non è il primo caso di problematiche idriche che coinvolgono la popolazione di Valduggia. Nei giorni scorsi si erano verificati ulteriori criticità che hanno messo in ginocchio la comunità. La siccità di questi giorni ha sicuramente contribuito alla situazione critica ed alcuni cittadini, purtroppo hanno dovuto fare i conti con numerose criticità.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *