Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Stagione dello sci alza bandiera bianca: ormai si guarda all’estate
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Stagione dello sci alza bandiera bianca: ormai si guarda all’estate

Alagna si consola con lo spot Moncler: ultimate le riprese sul Monte Rosa.

Stagione dello sci alza bandiera bianca: colpa delle restrizioni Covid. Si lavora per l’estate.

Stagione dello sci alza bandiera bianca

Con lo sci che ormai ha alzato bandiera bianca, Alagna non può che lavorare pensando già alla prossima stagione. Nel frattempo, però, circa un centinaio di persone hanno pernottato nella località turistica valsesiana per girare uno spot pubblicitario.

Scelta dal brand Moncler

Monterosa 2000, Monterosa spa e Comune di Alagna hanno appoggiato questa iniziativa perché in questo momento così difficile e particolare a causa dell’emergenza, è un ottimo sistema per far circolare il nome di Alagna e del Monterosa pensando al futuro dopo la fine della pandemia.

Monterosa 2000 ha garantito la logistica facendo arrivare in quota gli addetti mettendo in funzione gli impianti, mentre le guide alpine si sono occupate della sicurezza. Anche il Comune ha partecipato al progetto fornendo l’assistenza logistica per la parte bassa in paese, mettendo a disposizione parcheggi e strutture. Soddisfazione e attesa per il prodotto finale anche sui social.

Collaborazione con Shoot in the Alps

«La collaborazione – aveva ricordato Andrea Colla, direttore di Monterosa 2000 – è nata grazie al rapporto che c’è tra la guida alpina alagnese Michele Cucchi e Paolo Sassi, titolare di Shoot in the Alps. L’agenzia era in cerca di una location per Moncler e dopo aver visionato molti luoghi, anche rinomati, la scelta è caduta su Alagna».

Nuovi progetti per il territorio

«Il risultato sarà un lavoro che porterà visibilità al nostro comprensorio in tutto il mondo. Un investimento importante in un momento difficile, che ha colpito duramente il mondo della neve – scrivono da Visit Monterosa -. Pensare alla promozione della nostra destinazione, stringere i rapporti con le persone e con le aziende che ci sostengono è certamente il modo migliore che abbiamo adesso per creare lavoro domani, quando noi, insieme a tutti i professionisti della montagna, potremo finalmente riprendere ad accogliervi. Ma anche un’opportunità di lavoro immediato per le strutture ricettive che hanno accolto le persone coinvolte, occupando giornate altrimenti vuote». Per Colla «è stata una sfida interessante e stimolante che ci ha offerto l’opportunità di proiettarci al dopo pandemia, quando ripartiremo».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *