Seguici su

Attualità

Valduggia in lutto per Stefano Ottinetti: aveva solo 61 anni

Aveva 61 anni e abitava in frazione Lebbia con il fratello gemello Angelo.

Pubblicato

il

Valduggia in lutto per Stefano Ottinetti: aveva solo 61 anni. Aveva 61 anni e abitava in frazione Lebbia con il fratello gemello Angelo.

Valduggia in lutto per Stefano Ottinetti: aveva solo 61 anni

Giorni di lutto a Valduggia per la scomparsa di Stefano Ottinetti, persona molto conosciuta in paese per il carattere allegro e la disponibilità. Aveva 61 anni e abitava in frazione Lebbia con il fratello gemello Angelo. Il funerale è stato celebrato giovedì pomeriggio nella chiesa parrocchiale di San Giorgio.

Nato il 14 aprile 1962, aveva dedicato la vita al lavoro e agli amici, mantenendo un legame molto stretto con il fratello: «Stefano è sempre stato una persona allegra e socievole – ricorda il gemello Angelo -, lo era da bambino, da ragazzo e da adulto. Anche nei momenti più difficili, riusciva sempre a dare una mano, aveva sempre un conforto per chiunque. Eravamo molto legati, siamo sempre stati la forza l’uno per l’altro. Abbiamo condiviso tutto, dagli amici, alle vacanze, alla nostra casa».
LEGGI ANCHE: Varallo piange Attilia Fusaro: si era candidata a sindaco nel 2007

Una vita al lavoro nelle ditte della zona

Stefano Ottinetti aveva lavorato per quarant’anni come operaio per alcune ditte valduggesi: «Anche se spesso il lavoro era faticoso, non si lamentava. Gli piaceva il suo lavoro, lo affrontava con serietà e serenità».

Tra i molti compaesani che ricordano con affetto Ottinetti c’è anche il sindaco Luca Chiara: «Lo conoscevo molto bene – dice -, eravamo vicini di casa a Lebbia. Stefano era una persona davvero solare, sempre presente alle manifestazioni del paese. Insieme a suo fratello erano sempre in prima linea per il divertimento, portavano sempre il sorriso e l’armonia ovunque».

Tanti messaggi sui social

Il lutto di Valduggia per la morte Stefano Ottinetti è testimoniato dai tanti messaggi di cordoglio lasciati sui social: «Sei stato un grande amico e un grande lavoratore con cui ho condiviso moltissimi anni di esperienza. Mi hai insegnato molte cose con l’umiltà che avevi sul lavoro. E la tua disponibilità con gli amici era una cosa indescrivibile» lo dice un amico.

E ancora altri ricordi che confermano la commozione di quanti lo conoscevano: «Quante serate passate insieme al Polo, quando ti aspettavamo che arrivassi con la tua mitica 205 Rally. Ci mancherai», e chi rammenta i tempi della scuola: «Ti ricordo bambino in classe. Voi gemelli vi siete sempre distinti perchè eravate sempre allegri e vivaci».

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *