Cronaca Borgosesia e dintorni -

Borgosesia sotto choc per la tragedia di Maria Grazia

Chi era la donna morta carbonizzata nel rogo della sua villetta.

Borgosesia sotto choc per la tragedia di Maria Grazia. Chi era la donna morta carbonizzata nel rogo della sua villetta.

Borgosesia sotto choc per la tragedia di Maria Grazia

Si chiamava Maria Grazia Della Latta la donna di 81 anni morta tragicamente all’alba di ieri, mercoledì 19 gennaio, nel rogo della sua abitazione di Borgosesia. Ex dipendente nel Comune, aveva successivamente lavorato anche nella gioielleria di famiglia, un tempo aperta sotto il porticato di un condominio di viale Duca d’Aosta.

Nulla da fare per lei

La donna poteva muoversi solo con un deambulatore. E’ stato il collaboratore domestico ad accorgersi delle fiamme che stavano assalendo la casa, ma ormai era troppo tardi per raggiungere la pensionata. Non hanno potuto fare nulla nemmeno le squadre dei vigili del fuoco.

Il cordoglio del sindaco

Anche il sindaco Paolo Tiramani ha voluto lasciare un messaggio sui social: «Ringrazio le forze dell’ordine per il celere intervento: purtroppo le fiamme non hanno dato scampo all’anziana signora. Preghiamo per lei».
Maggiori particolari su Notizia Oggi in edicola

2 Commenti

  • Pavese Piero ha detto:

    Buongiorno ieri mattina stavo scaricando il camion al Conad di Biorgosesia e circa le 6.10 sento delle urla. Quando ho sentito chiaro che gridava aiuto aiuto ho capito che era successo qual’cosa di grave,io e il ragazzo del magazzino siamo andati subito fuori e a pochi metri abbiamo visto le fiamme nelle finestre della casa e l’uomo che gridava la signora la signora. Subito dopo l’uomo si è calato dalla grondaia una vicina di casa ci ha aperto il cancelletto. L’uomo continuava gridare la signora io gli chiesi dové lui mi disse in questa stanza qui al pian terreno. Abbiamo sfondato la finestra e purtroppo ho visto il corpo della povera donna avvolto dalle fiamme. Ho chiesto se c’era ancora qualc’uno in casa faceva fatica rispondermi continuava gridare signora io ho insistito chiedendo se c’era qualche altra persona lui mi disse mia figlia di sopra dall’altra parte della casa. Ho fatto il giro e la ragazzina era fuori sul tetto un vicino di casa ha portato la scala sono salito l’ho tranquillizzata e accompagnata giù ed è scoppiata in lacrime abbracciamdo una vicina di casa. Arrivati i carabinieri mi han chiesto se c’era ancora qual’uno in casa e io ricordo solo di aver detto in quella stanza li c’é una persona carbonizzata. Subito dooo sono andato ha fare il mio lavoro incredulo di cosa era successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.