Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Gattinara spacciava ai ragazzini: condannato giovane egiziano
Cronaca Gattinara e Vercellese -

Gattinara spacciava ai ragazzini: condannato giovane egiziano

Il giudice ha deciso per un anno e nove mesi con la condizionale, più la relativa multa.

Gattinara spacciava ai ragazzini: condannato giovane egiziano che vendeva hashish a un 15enne.

Gattinara spacciava ai ragazzini: condannato

Spacciava “fumo” ai ragazzini in un parchetto a Gattinara. Si tratta di un egiziano che per qualche tempo, tra il 2016 e il 2017, era stato anche ospite del centro di accoglienza per migranti in attesa di permesso di soggiorno. Adesso si è beccato una condanna di un anno e nove mesi con la condizionale, più la relativa multa (anche se per il momento lui risulta introvabile). Molto meno di quanto chiesto dal pm, che aveva proposto una condanna a due anni e quattro mesi.

Lo spaccio al parco

Momo, questo il nome del ragazzo egiziano, era arrivato a Gattinara appena maggiorenne, ed era finito quasi subito nei giardinetti a spacciare a ragazzini di 15 e 16 anni. Era senza dubbio un ragazzo intraprendente, visto che aveva subito trovato un lavoretto in un locale della città. Ma evidentemente non gli bastava.
LEGGI ANCHE: Contro la quarantena per comprare la droga: denunciati

Gruppo Whatsapp

La rete di spaccio era venuta alla luce durante un normale controllo, quando gli uomini dell’Arma, fermando tre ragazzini avevano trovato addosso a uno qualche grammo di droga. Dopo aver controllato il cellulare ecco che tutta la rete di spaccio era venuta a galla. Un bel gruppo WhatsApp dello smercio.

Il processo

Quando si era aperto il processo, tanti giovanissimi clienti accompagnati dai genitori avevano confermato il quadro accusatorio in tribunale a Vercelli. Oltre alla condanna, all’egiziano oggi 22enne è stato anche revocato lo status di richiedente asilo.
Immagine di repertorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente