Seguici su

Cronaca

Guardia di finanza in Valsesia: 29 persone soccorse in tre mesi

Pubblicato

il

Guardia di finanza in Valsesia: 29 persone soccorse in tre mesi. Bilancio di un’estate di intenso lavoro per gli operatori.

Guardia di finanza in Valsesia: 29 persone soccorse in tre mesi

Da inizio giugno a fine agosto sono stati 24 gli interventi che i finanzieri specializzati nel soccorso del Comando provinciale di Vercelli hanno garantito nelle aree più impervie della Valsesia, mettendo in salvo ben 29 persone in tutto. Un vero record per garantire la sicurezza di luoghi che rappresentano, per gli escursionisti e gli amanti della montagna, un vero e proprio paradiso naturalistico.

Tratti in salvo 29 escursionisti

Fortunatamente questi interventi, spesso ravvicinati tra loro e rischiosi anche per l’incolumità fisica dei soccorritori, nella quasi totalità dei casi hanno consentito di trarre in salvo 29 escursionisti in grave pericolo perché dispersi tra i boschi, precipitati in profondi canaloni oppure immobilizzati per via di infortuni e traumi.

L’operazione a Mollia

Tra gli interventi più recenti va ricordato quello, attuato anche grazie a due elicotteri della Sezione aerea della Guardia di finanza di Varese e Bolzano, per soccorrere due coniugi cercatori di funghi che, smarrito il sentiero, sono precipitati in un canalone nella zona di Mollia, e sono stati rintracciati. Si è trattato di una ricerca durata ore e condotta anche di notte. Grazie alle tecnologie, si è potuto localizzare la posizione dei telefoni cellulare che i due escursionisti avevano perso durante la caduta.
LEGGI ANCHE: Avvisa la moglie di aver sbagliato sentiero. Poi muore precipitando per 100 metri

Il soccorso a Mera

Ancora, i finanzieri di Alagna Valsesia sono stati attivati dai vigili del fuoco per trarre in salvo due turisti che, durante un’escursione nel comprensorio dell’Alpe di Mera, avendo perso l’orientamento, si sono ritrovati in una zona scoscesa ed impervia dell’Alpe sul calare del giorno e senza possibilità di far rientro sul sentiero tracciato.

La tecnologia a disposizione. Ma anche i cani

Da ricordare che le Fiamme gialle del Soccorso alpino valsesiano fanno ricorso ai sofisticati ed avanzati sistemi di localizzazione delle persone in pericolo e alla più stretta cooperazione con gli elicotteri in dotazione alla componente aerea del Corpo. Attualmente nella caserma di Alagna Valsesia sono in servizio anche tre cani da ricerca che forniscono un fondamentale supporto nelle attività di salvataggio in ambiente montano e a seguito di valanghe.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *