Notizia Oggi Borgosesia > Sport > Stefano Sottile si ferma a 2.16 ma incassa il via libera per l’Olimpiade
Sport Borgosesia e dintorni -

Stefano Sottile si ferma a 2.16 ma incassa il via libera per l’Olimpiade

Il giovane atleta borgosesiano volerà a Tokyo.

Stefano Sottile

Stefano Sottile volerà a Tokyo: il giovane atleta valsesiano ha conquistato il pass olimpico.

Stefano Sottile alle Olimpiadi

Da Borgosesia a Tokyo: alle Olimpiadi del 2021, in programma da venerdì 23 luglio a domenica 8 agosto, Stefano Sottile ci sarà. Ma per trovare la forma migliore c’è ancora da lavorare. Al Golden Gala Pietro Mennea di Firenze giovedì si è fermato al nono posto con 2.16. Il ragazzo di Borgosesia si spegne a 2.20, misura che non riesce a superare. Non è di certo l’atleta che nel 2019 ai campionati italiani assoluti di Bressanone ha conquistato la medaglia d’oro con la misura di 2,33 metri, nuova miglior prestazione italiana under 20, andando ad eguagliare la migliore prestazione mondiale stagionale ed entrando nella top 10 dei migliori altisti italiani di tutti i tempi, secondo solo a Gianmarco Tamberi e a pari merito con Marcello Benvenuti e Marco Fassinotti (che ottennero il medesimo risultato rispettivamente nel 1989 e nel 2015).

Il pass

Sottile ha però il pass olimpico in tasca e soprattutto ancora un po’ di tempo per trovare il suo salto migliore per difendere al meglio i colori azzurri. E dire che a Firenze la gara è stata vinta da Ivanyuk proprio con 2,33 grazie al fatto di aver valicato la misura alla prima prova, contrariamente a Starc (secondo) e a Tamberi. L’azzurro può essere comunque pienamente soddisfatto di una prestazione che lo riporta ad altissimi livelli dopo gli ultimi intoppi e acciacchi.

Il 2021

L’anno di Stefano Sottile era iniziato a febbraio ad Ancona ai Campionati Italiani Assoluti Indoor portando a casa il terzo posto nel salto in alto: per lui i 2,08 metri superati al primo tentativo, così come la misura di 2,12, mentre per saltare i 2,16 metri è stato necessario il terzo salto, poi un errore a 2,20 e altri due a 2,23 per l’uscita di scena. A gennaio invece alla “Udin Jump Development” aveva dovuto alzare bandiera bianca per un problema muscolare. Nel 2020 invece non era riuscito a trovare continuità a causa del fastidio alla caviglia del piede di stacco. Borgosesia e l’intera Valsesia fanno il tifo per lui, tutti pronti a seguirli nelle prove di Tokyo quando vestirà la maglia azzurra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *