Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Ospedale Biella ferma le visite ai parenti ricoverati
Attualità Fuori zona -

Ospedale Biella ferma le visite ai parenti ricoverati

Accesso ai reparti sospeso perché sono in aumento i ricoveri per Covid.

Ospedale Biella ferma le visite ai parenti ricoverati. Accesso ai reparti sospeso perché sono in aumento i ricoveri per Covid.

Ospedale Biella ferma le visite ai parenti ricoverati

Da domani, 8 aprile, l’ospedale di Biella Ponderano sospende provvisoriamente gli accessi per visite di pazienti ricoverati. Pertanto anche le autorizzazioni valide ad oggi non saranno più utilizzabili nei prossimi giorni per accedere ai reparti.

“Tale provvedimento – spiegano dall’Asl – è da considerarsi strettamente temporaneo e purtroppo necessario alla luce del quadro epidemiologico in atto sul territorio biellese, che vede proseguire la diffusione dei contagi da Covid19. L’obiettivo è quello di rafforzare il più possibile il livello di protezione di tutti i reparti, a beneficio di tutti coloro che vi sono ricoverati”.

Come funzionerà per pediatria e ostetricia

Per le aree di pediatria e ostetricia verranno concordati accessi che permettano alle mamme di stare accanto ai loro bambini ricoverati e alle partorienti di prevedere quanto più possibile la presenza del padre del nascituro o neonato. Il personale informerà i famigliari fornendo tutte le indicazioni utili per il cambio della biancheria e per la comunicazione sulle condizioni di salute dei pazienti.
LEGGI ANCHE: Il Pianeta dei clown regala colombe al personale dell’ospedale di Borgosesia

Ritiro della biancheria

Sia per i reparti non Covid che per quelli Covid, sarà possibile effettuare la consegna e il ritiro della biancheria e degli effetti personali dei pazienti ricoverati recandosi fuori dall’ingresso del reparto e attendendo l’arrivo di un operatore negli orari predefiniti. L’accesso in ospedale per la consegna è consentito a una sola persona.

In caso di ricovero programmato da 1 a 7 giorni sarà comunicato in anticipo ai pazienti di portare un adeguato numero di cambi per il numero di giorni di degenza previsti.

Per chi avesse difficoltà o si trovasse nell’impossibilità di effettuare spostamenti, è tuttora attivo il servizio di trasporto e consegna a cura della protezione civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *