Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Ponzone ricorda Michele Grosso: fu tra i fondatori del “Delfino”
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Ponzone ricorda Michele Grosso: fu tra i fondatori del “Delfino”

Ex caporeparto in un’azienda tessile e per qualche tempo imprenditore a sua volta, è morto all’età di 78 anni all’ospedale di Ponderano.

Ponzone ricorda Michele Grosso: fu tra i fondatori del “Delfino”.  Ex caporeparto in un’azienda tessile e per qualche tempo imprenditore a sua volta, è morto venerdì all’età di 78 anni all’ospedale di Ponderano.

Ponzone ricorda Michele Grosso

Originario di Mosso, l’uomo si era poi trasferito nel basso Triverese, dove si era sposato. Trascorse pressoché tutta la sua vita lavorativa nel mondo del tessile. Come accennato, fu caporeparto alla “Tonella”, fu assistente al finissaggio, e poi mise su anche un’azienda in proprio assieme ad alcuni soci. Una volta in pensione decise di impegnarsi nel volontariato.

LEGGI ANCHE Addio a Patrizia: aveva solo 54 anni

Volontariato

Fu nella prima pattuglia dei nonni-vigile, quel gruppo di pensionati che assisteva gli alunni all’inizio e al termine del lezioni, in modo da garantire l’uscita dei bambini in sicurezza. Da quel gruppo di nonni-vigile nacque nel 2002 l’associazione di volontariato Delfino. Era stato lui stesso, Michele Grosso, a raccontare quelle vicende a Notizia Oggi nel 2012, quando l’associazione celebrò i dieci anni di attività: «Tutto è iniziato quando facevamo i nonni vigile – aveva raccontato Grosso -. L’allora sindaco Clara Mello Rella ci aveva suggerito di fondare un’associazione. Abbiamo quindi iniziato noi. In seguito i volontari sono aumentati di anno in annoi, così come i progetti e i servizi offerti ai cittadini. Si tratta di un’esperienza importante, di un desiderio di fare qualcosa per gli altri».

Fondatori

Assieme a Grosso c’erano altri quattro soci fondatori: Genni Zonco, Giuseppe Saporiti, Franco Tucci e Umberto Zanni. Oggi di quel gruppo originario sono rimasti solo Genni Zonco e Franco Tucci.
«Ricordiamo e ringraziamo Michele per l’impegno che ha dedicato all’associazione e al territorio triverese – commenta Ernesto Guardino, presidente del “Delfino” -. Fino quando ha potuto, ha sempre fatto la sua parte, soprattutto nei servizi di trasporti e poi di recapito di pasti a domicilio. In questo momento siamo particolarmente vicini alla famiglia».

Addio

Michele Grosso lascia la moglie Irenella, i figli Roberta con Donato e Andrea con Silvia, i nipoti Lorenzo e Sofia, il fratello Emiliano con la famiglia, la cognata Giuseppina con Paolo e famiglia, oltre ad altri parenti. Il funerale è stato celebrato nella chiesa del Sacro Cuore di Ponzone, poi il corpo è stato portato nella tomba di famiglia a Mosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *