Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Valduggia accoglie padre Raymond, parroco delle frazioni
Attualità Borgosesia e dintorni -

Valduggia accoglie padre Raymond, parroco delle frazioni

Per salutare fra' Domenico e dare il benvenuto al sacerdote indiano, domani a Zuccaro sarà organizzata una giornata di festa

Valduggia accoglie padre Raymond, parroco delle frazioni. Passaggio di testimone alla parrocchia Santi Andrea e Gaudenzio di Zuccaro.

Valduggia accoglie padre Raymond, parroco delle frazioni

Dopo dieci anni, fra’ Domenico Cremona lascia le frazioni di Zuccaro, Orsanvenzo, Valpiana, Rastiglione e Merlera. Dalla settimana prossima sarà padre Raymond Johnson, sacerdote carmelitano, a seguire le comunità.

LEGGI ANCHE Valduggia lascia la casa di riposo a 103 anni per restare col gatto

Il frate che ha seguito la vita parrocchiale delle frazioni valduggesi, proseguirà il servizio pastorale nella parrocchia di Nibbia, nel Novarese. «Per tutto il periodo trascorso con noi frazionisti fra’ Domenico è stata una figura molto presente – dicono i suoi parrocchiani -. C’era quando qualcuno aveva bisogno di un conforto, di una parola e di un sorriso. Un aspetto molto apprezzato è stata la volontà di fra’ Domenico di essere un prete “alla mano”, sia con i giovani che con gli anziani; nessuno si è mai sentito in soggezione con lui».

Don Raymond

Dalla settimana prossima la comunità parrocchiale di Zuccaro e frazioni sarà seguita da padre Raymond Johnson, sacerdote di origine indiana che da un anno vive nella casa parrocchiale di Aranco per collaborare nelle parrocchie dell’unità pastorale di Borgosesia, dopo aver servito in parrocchie del territorio ossolano. Per salutare fra’ Domenico e dare il benvenuto a padre Raymond, domani a Zuccaro sarà organizzata una giornata di festa: alle 11, messa nella chiesa parrocchiale concelebrata dai due sacerdoti, dal parroco reggente don Ezio Caretti e da don Dante Airaga, parroco di Valduggia. Al termine è previsto il pranzo al circolo Acli della frazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente