Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Valsesia un esercito di operatori e volontari per spazzare via il fango
Attualità Borgosesia e dintorni -

Valsesia un esercito di operatori e volontari per spazzare via il fango

I volontari sono stati impegnati anche a ripulire alcune attività imprenditoriali di frazione Isola, oltre a garantire la corrente elettrica.

Valsesia un esercito di operatori e volontari (anche dal Novarese) per far fronte all’evento alluvionale.

Valsesia un esercito di operatori e volontari contro l’alluvione

Nel primo weekend di ottobre volontari Aib e Protezione civile non hanno smesso un attimo di perlustrare il territorio, pulire e aiutare le persone vittime dell’alluvione che ha colpito la Valsesia. L’ispettore provinciale Aib Corrado Busnelli ha vissuto sul campo i disastri della pioggia: «Siamo stati attivati dal Comune di Borgosesia che ha aperto il Coc venerdì mattina, 2 ottobre: abbiamo iniziato con due squadre sempre pronte in sede e una che girava sul territorio».

Controllo costante sui ponti

La situazione è precipitata in serata: «Da venerdì sera la situazione è degenerata, abbiamo iniziato a controllare i ponti, poi ci siamo spostati all’Isola di Borgosesia per l’allagamento, abbiamo fatto un presidio per tutta la notte. Dal mattino di sabato abbiamo iniziato la nostra attività di sgombero della strada per passare con i mezzi, poi sono arrivati anche Aib di Vercelli, ma anche dal novarese, anche il coordinamento di Protezione civile è intervenuto sul posto».

Spazzato via il fango

È stata una operazione di pulizia meticolosa: «Abbiamo iniziato casa per casa. Principalmente sabato e domenica abbiamo prosciugato scantinati e cantine, abbiamo poi lavato cortili e le stanze allagate al piano terra. Domenica e lunedì invece abbiamo proceduto a rimuovere il fango con mezzi di movimentazione terra e fango. Attività importante è stata fatta alla scuola ex Gb Vico, ora Enaip: la quantità di acqua e fango era veramente notevole».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *