Seguici su

Borgosesia e dintorni

Lega e Pd litigano sul “tavolo di lavoro” per la sanità valsesiana

Posizioni diverse da parte dei due partiti in merito alla delicata situazione che coinvolge il nosocomio locale.

Pubblicato

il

Mariella Moccia pd e Enrico Montani Lega

Lega e Pd litigano sul “tavolo di lavoro” per la sanità valsesiana. Il tavolo tecnico organizzato dalla Regione sulla sanità valsesiana ancor prima di iniziare a lavorare fa discutere.

Lega e Pd litigano per la sanità valsesiana

Il Pd con una nota si scaglia contro la decisione: «Apprendiamo della nascita di un tavolo tecnico a trazione leghista che, per singolare coincidenza, vede la luce a ridosso di dichiarazioni sul ridimensionamento dell’ospedale di Borgosesia, mentre altre prese di posizione prefigurano invece fantomatici potenziamenti della sanità valsesiana – spiega la portavoce del Pd Mariella Moccia -. Tutta questa sceneggiata prende forma mentre le esigenze assistenziali dei cittadini continuano a non essere soddisfatte».
LEGGI ANCHE: Ospedale Borgosesia, cardiologia in sofferenza per il poco personale
E si chiede: «Si vuole commissariare la sanità in Valsesia e l’ Asl di Vercelli, già da tempo subordinata all’ Asl di Novara?»

La replica di Montani

A stretto giro è arrivata la replica del commissario della Lega Enrico Montani. «E’ assurdo che i vertici regionali e provinciali del Pd si lamentino del tavolo di lavoro istituito sulla sanità valsesiana: qui serve rimboccarsi le maniche e lavorare per la salute dei cittadini, non polemizzare per meri scopi elettorali». E aggiunge: «In ballo c’è il futuro della nostra sanità, peraltro messa a dura prova dall’emergenza pandemica, motivo per cui sarebbe bene che tirassimo tutti dalla stessa parte. Lo dico a Rossi e Moccia, ma non soltanto a loro: l’obiettivo pro cittadini deve essere quello, in concerto con l’Asl, di individuare soluzioni concrete nelle opportune sedi, tra le quali la conferenza dei sindaci. Non altrove. Sono per fortuna lontani – rimarca Montani – i tempi in cui il Pd operava sul delicato tema della sanità a colpi di tagli, sforbiciate e riduzioni. Sono per fortuna lontani, ma i cittadini non per questo hanno dimenticato, i tempi in cui il partito democratico, con “in mano” i dati sbagliati e su tutti il caso clamoroso di emodinamica, voleva eliminare specialità che sono poi risultate essere di fondamentale importanza per contrastare il Coronavirus. Per non parlare – prosegue il comunicato – dei laboratori analisi…».

La posizione del Pd

«Ha ragione Montani quando dice che sono lontani i tempi in cui era il Pd a gestire la sanità piemontese. Da quattro lunghi anni, infatti, è la Lega che detiene le deleghe alla sanità – sottolinea il Pd -. E il risultato è sotto gli occhi di tutti o almeno di tutti coloro che non hanno perso il contatto con la realtà: liste d’attesa infinite, edilizia sanitaria bloccata, fuga dei medici e degli operatori sanitari dal pubblico e una privatizzazione strisciante del sistema, nel quale si cura solo chi se lo può permettere» dichiarano Domenico Rossi e Mariella Moccia. Viene poi rivendicato il ruolo della conferenza dei sindaci.
«La Conferenza dei Sindaci – aggiungono – deve essere protagonista della programmazione relativa ai servizi di sanità territoriale»

Continua a leggere le notizie di Notizia Oggi Borgosesia e segui la nostra pagina Facebook

1 Commento

1 Commento

  1. Ardmando

    2 Marzo 2023 at 17:55

    Il PD dovrebbe pensare alla propria di salute, invece di interessarsi (a sproposito) di quella altrui, visto chi hanno scelto come segretario.

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *